science

Abbiamo tradotto più volte degli articoli  per i nostri lettori che rischiavano di perderli per via della lingua. Questo che vi proponiamo oggi non è neanche lontanamente importante come quelli precedenti, ma è una buona lettura e ci dimostra come alcune idee preconfezionate continuino a girare nonostante sia risaputo che siano sbagliate. Non vere e proprie bufale, in realtà idee superate o infondate o leggende metropolitane, che però lo diventano se continuiamo a ripeterle all’infinito.

Questi sono gli articoli tradotti in precedenza

Oggi vi proponiamo un’altra lista, 10 “fatti” che vengono proposti come tali, mentre la realtà è tutt’altra. Il post originale in inglese è di Radu su GeeKiez. Buona lettura!

10 fatti

 

1 – I pesci rossi hanno una memoria di soli 3 secondi 

1pesce

È sorprendente come questa idea sia in giro da così tanto tempo nonostante sia facilissimo dimostrare il contrario. Dei semplici esperimenti sui pesci rossi hanno mostrato dei riflessi condizionati dando loro cibo in determinate circostanze (solitamente in associazione con degli oggetti). Dopo varie ripetizioni divenne chiaro che i pesci imparavano ad associare le due cose, dimostrando che la loro memoria dura almeno svariati giorni.

2 – L’Everest è la montagna più alta sulla Terra

2montagna

 

In realtà questo è un tecnicismo, ma è una cosa utile da sapere se si vuole fare il sapientone. L’altitudine di un monte è la misura dalla sua vetta al livello del mare. L’altezza però può essere misurata partendo dalla base della montagna fino alla sua cima. Prendendo questo in considerazione, il Monte Everest è il monte che raggiunge l’altitudine maggiore, ma non è il monte più alto. Con 10’200 metri il Mauna Kea nelle Isole Hawaii è più alto del Monte Everest che è “solo” di 8’848 metri. Va detto però che quasi 2/3 del Mauna Kea si trovano sott’acqua.

3 – Un fulmine non colpisce mai due volte lo stesso punto

Col passare del tempo questo modo di dire ha raggiunto più un significato metaforico che reale, ma c’è ancora qualcuno che pensa che vada preso alla lettera. I fulmini cadono su tutta la superficie della Terra dai 50 ai 100 volte al secondo, per un totale di oltre 1,5 miliardi di volte l’anno. Le probabilità che un punto specifico non venga colpito più di una volta non sono molto alte. Aggiungiamo anche che siamo a conoscenza di posti dove sono caduti più fulmini. I grattacieli attirano spesso fulmini  e l’Empire State Building viene colpito almeno una dozzina di volte all’anno.

4 – Nel Medioevo la gente credeva che la terra fosse piatta

4-terra

In realtà è dai tempi degli antichi greci che si è a conoscenza del fatto che la Terra sia rotonda, se non da prima ancora. Se volete essere veramente precisi la terra è uno sferoide, ed è più schiacciata ai poli rispetto all’equatore.

5 – Gli squali sono immuni al cancro

1333539-squalo

Già si uccidono svariati milioni di squali per la produzione di insipide zuppe fatte con le loro pinne, ora gli squali hanno la sfortuna di venire pescati anche per la loro cartilagine che dovrebbe essere in grado di curare il cancro. Ovviamente non può. La comunità scientifica non ha mai pensato che fosse così, ma la gente ha voluto credere che questa fantasia fosse vera per via degli incredibili effetti positivi che avrebbe avuto sulla società. Tuttavia oggi abbiamo la certezza che anche gli squali si ammalino di tumore, perciò anche questa idea può essere messa nel dimenticatoio.

6 – Il calore corporeo viene disperso principalmente dalla testa

6

Nel tempo sono state date molte spiegazioni possibili sul perché questo fosse vero (come la mancanza di grasso rispetto ad altre parti del corpo). In realtà perdiamo dalla testa la stessa quantità di calore di tutte le altri parti del corpo…a patto di essere nelle stesse condizioni. A meno che abbiate l’abitudine di girare nudi nella neve durante gli inverni, le varie parti del vostro corpo non è nelle stesse condizioni. Solitamente la testa è l’unica parte esposta e questa è il semplice (e ovvio) motivo per la quale sia la parte più fredda.

7 – Il sangue all’interno del corpo è blu

Ics-codablock-blood-bag_sample

Questo sembra proprio ovvio. Dopotutto potete guardare le vostre vene proprio adesso, vedere il sangue che scorre dentro e sono blu, no? Questo ha portato alla credenza che il sangue deossigenato sia blu, e che appena esca dal corpo torni rossa per via dell’ossigeno col quale viene a contatto. Questo non è vero perché il nostro sangue contiene sempre emoglobina, anche quanto non è ossigenato. L’emoglobina è una proteina rossa che porta il sangue ad avere una colorazione rosso scuro. In parole povere, le vene appaiono blu per come viene riflessa la luce.

8 – La Grande Muraglia cinese è visibile dallo spazio

512px-Great_wall_of_china-mutianyu_3

Un’altra idea diffusa è che la Grande Muraglia cinese sia l’unica opera umana visibile dallo spazio. Questa è una mezza verità. Tutto dipende da quello che intendiamo con “spazio”. Già viaggiando in un’orbita bassa è difficile distinguerla, così come tantissime altre costruzioni realizzate dall’uomo. Più ci si allontana, ad esempio alla distanza della Luna, sarà difficile riconoscere i continenti, figuriamoci un muro.

9 – I camaleonti possono cambiare il proprio colore per mimetizzarsi

Kinyongia_xenorhina,_maleI camaleonti sono fantastici e interessanti, questo è un dato di fatto. L’idea che possano cambiare il proprio colore per potersi mimetizzare non è né fantastica né interessante. Facendola breve, ci sono varie ragioni perché un camaleonte possa cambiare colore e queste dipendono dalla razza. Il loro stato d’animo e le loro intenzioni hanno un ruolo determinante. Se un camaleonte è felice e sta corteggiando una signora camaleonte allora cambierà colore. Se è arrabbiato o se si sta preparando per un combattimento cambierà ancora. Anche fattori esterni, come la temperatura, possono influenzarne il colore.

10 – Plutone è un pianeta

 

512px-Size_planets_comparison

Plutone è stato declassato svariati anni fa, ma a quanto pare a qualcuno è sfuggita questa notizia e continua a credere in un sistema a 9 pianeti. Ma perché Plutone viene considerato ora un pianeta nano? In realtà Plutone non ha mai avuto molto in comune con gli altri pianeti del sistema solare essendo molto più piccolo degli altri pianeti rocciosi. Col passare del tempo i nostri telescopi sono migliorati permettendoci di scoprire molti altri corpi celesti simili a Plutone. Dovremmo considerare anche questi come pianeti?

Tutto andava bene fintanto che non si sono scoperti altri corpi più grandi di Plutone. Ed è quello che è successo con Eris. Si rende necessaria una soluzione: se Plutone è un pianeta, allora lo deve essere anche Eris (insieme ad altri ancora). Questo significa che se anche volessimo continuare a considerarlo un pianeta, il sistema a 9 pianeti diventa comunque obsoleto. Ecco perché si è deciso di declassarlo a pianeta nano, come lo sono Eris, Cerere, Huamea e Makemake. Inoltre è facile che se ne scoprano di altri dato che ci sono già migliaia di possibili candidati.

 

Se volete leggere la versione originale la trovate su GeeKiez.

BONUS A RICHIESTA

11 – Per la scienza il calabrone non può volare ma lui non lo sa e continua a volare!

DSC_9109 (1)Questa storiella è un pretesto da usare per scopi motivazionali, perché se davvero fosse impossibile per il calabrone volare, non volerebbe! I dubbi su come riuscisse a volare il calabrone, ed altri insetti simili, è roba degli anni ’30. Ma grazie alle maggiori conoscenze sviluppate negli anni della aerodinamica e ad una maggiore comprensione dei meccanismi del movimento delle loro ali, sono decenni oramai che sappiamo come riescano a volare. Questa favoletta viene utilizzata per molti scopi, tra cui anche screditare la “scienza”, ma quasi mai per quello dove sarebbe utile: dimostrare che la visione delle cose non deve essere immutabile, ma deve evolversi davanti alle nuove scoperte.

Ricordatevi di amare col cuore, ma per tutto il resto di usare la testa.

neilperri @ butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!