LUCIMARTE

Ogni tanto le foto che ci arrivano da Marte grazie a Curiosity alzano un vespaio nel mondo degli UFO/Alieni e pseudo news. Che sia un sasso che sembra un statua o un topo c’è sempre una eccitazione spropositata (perchè non vengono a dirci ciao davanti alla fotocamera?)

Negli ultimi giorni un paio di foto hanno riacceso l’entusiasmo su alcuni siti “specializzati” dopo la pubblicazione delle seguenti foto (che sottolineo ufficiali e pubblicate dalla NASA)

luce1 1_
Foto del 2 Aprile, fotocamera destra

Vedete quella macchiolina bianca in alto a sinistra? E il giorno seguente

luce 2 2_
Foto del 3 Aprile, fotocamera destra

Per due giorni Curiosity ha registrato una stranda luce: riflesso? luce di una struttura marziana? Alcuni dei siti più estremi sono già arrivati alla conclusione più “logica”, cioè si tratta di luci provenienti da strutture sotterranee dove vivono i marziani. Centro Meteo Italiano ha riportato anch’esso la notizia, non sbilanciandosi ma lasciando il dubbio al lettore (“Sta a voi giudicare”), evitando accuratamente un dettaglio però molto importante. Curiosity è dotata di due fotocamere che scattano a circa 1 secondo di distanza una dall’altra e che sono poste a brevissima distanza.

74282_fig2-NASA-CuriosityOvviamente anche la fotocamera sinistra ha ripreso le stesse scene e cosa ci mostra?

noluce1_
Foto del 2 Aprile, fotocamera sinistra
noluce22
Foto del 3 Aprile, fotocamera sinistra

Assolutamente niente. Che cosa è successo quindi? Quello che succede quasi sempre in questi casi, cioè è un errore del sensore della fotocamera di Curiosity. Capitato già altre volte, potrebbe essere causato da un raggio cosmico che attraversando il sensore della fotocamera lascia un segno che viene memorizzato poi nella foto. Questa volta è successo in una parte della foto che sembra sul livello del terreno dando quindi una impressione diversa rispetto al vedere la macchia in cielo o a pochi centimetri dal rover. Al più potrebbe essere un riflesso di qualcosa che rimane visibile a diversa angolazione, ma le fotocamere sono così vicine che mi sembra poco probabile IMHO.

Ovviamente possiamo io o la NASA dimostrare che è solo un difetto delle foto? Ma girando la domanda, da una macchiolina bianca su due foto, contraddette da foto praticamente contemporanee scattate nello stesso luogo, è mai possibile dedurre che siano segni di una civiltà aliena che vive in città sotterranee su un altro pianeta? Ovviamente questa idea non è figlia di deduzioni o osservazione, ma solo di pregiudizio (hanno già deciso che ci sono gli alieni su Marte e che vivono sottoterra). In attesa di un bel primo piano di un marziano accontentiamoci dei batteri finora scoperti e dei bellissimi panorami che ci regala il nostro cugino spaziale.

Ricordatevi di amare col cuore, ma per tutto il resto di usare la testa.

neilperri @ butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!