Ci avete segnalato in tanti un post che sta circolando sotto svariate forme, ve ne riporto la parte che non abbiamo già trattato:

Vi anticipo che la cosiddetta SECONDA ONDATA non sara’ di COVID 19 ma di MIS-C, una sindrome inventata e gia’ pubblicizzata sui siti istituzionali che colpira’ bambini ed adolescenti. Sono stati eseguiti richiami di massa nei palazzetti ed aggiunti vaccini NON OBBLIGATORI a migliaia di ragazzi. In questi vaccini e’ contenuto il coronavirus cosiddetto inattivato che ha gia’ mostrato a Bergamo e Brescia il suo potenziale letale attraverso il meccanismo dell’interferenza virale. Hanno temporizzato l’effetto che si rendera’ manifesto all’apertura delle scuole. Preleveranno i bambini da scuola. Ci sono gia’ le circolari ufficiali. Intanto spuntano come funghi articoli che parlano di bambini asintomatici contagiosi. Vedrete che il prossimo obiettivo sono i nostri ragazzi. Il nuovo mostro si chiama SINDROME INFIAMMATORIA MULTISISTEMICA.
La MIS-C avra’ molte analogie con la sindrome di Kawasaki, che da malattia rara diventera’ endemica
Ma se è vero è inaudito !!!!

In altre occasioni a questo post è stata aggiunta una parte che riguarda gli effetti nocivi delle mascherine e un’altra che riguarda una fantomatica “cura trovata in Italia”. Entrambe le informazioni le avevamo già trattate precedentemente su BUTAC. Mentre questa storia della MIS-C potremmo definirla la novità della settimana.

Vediamo di fare chiarezza.

È vero, esiste una sindrome nuova, che è stata riscontrata proprio nei bambini, all’inizio scambiata per la sindrome di Kawasaki in quanto riporta sintomi simili. Come sa chi legge BUTAC da tempo, la ricerca necessita sempre di tempi abbastanza lunghi per comprendere le cose al meglio. Non parliamo poi della ricerca medica per trovare cure alle più svariate malattie: per quella i tempi possono essere lunghissimi.

La sindrome di cui parliamo pertanto è qualcosa di ancora poco noto, come riporta il CDC americano:

CDC is still learning about MIS-C and how it affects children, so we don’t know why some children have gotten sick with MIS-C and others have not. We also do not know if children with certain health conditions are more likely to get MIS-C. These are among the many questions CDC is working to try to understand. All CDC recommendations are based on the best data and science available at the time, and we will update them as we learn more.

Che tradotto:

Il CDC sta ancora imparando a conoscere la MIS-C e come colpisce i bambini, quindi non sappiamo perché alcuni bambini si sono ammalati di MIS-C e altri no. Inoltre non sappiamo se i bambini con determinate condizioni di salute hanno maggiori probabilità di prendere la MIS-C. Queste sono tra le molte domande su cui il CDC sta lavorando per cercare di capire. Tutte le raccomandazioni CDC si basano sui migliori dati scientifici disponibili al momento, e li aggiorneremo man mano che impariamo di più.

Al momento spiegano che l’unica maniera per tutelarsi da questa sindrome è evitare di esser contagiati da Sars-Cov-2:

Sulla base di ciò che sappiamo ora sulla MIS-C, il modo migliore per proteggere il vostro bambino è quello di intraprendere azioni quotidiane per impedire al vostro bambino e all’intera famiglia di contagiarsi col virus che causa COVID-19.

Diffondere il post di cui sopra serve solo a cavalcare una sciocchezza. La Mis-C non è una sindrome inventata, bensì qualcosa che per fortuna per ora è stato riscontrato in casi abbastanza isolati. Ma comunque su cui tenere alta l’attenzione. I vaccini anti-influenzali sono comunque suggeriti per tutte le fasce a rischio, che includono i bambini.

Io vorrei i soggetti che sostengono si tratti di una sindrome inventata andarlo a dire in faccia ai genitori che l’hanno sentita diagnosticare ai loro figli.

Ma purtroppo si tratterà facilmente degli stessi soggetti che si sono fatti diagnosticare la elettrosensibilità chimica multipla e vanno a manifestare in piazza contro il 5G. In barba alle sindromi inventate…

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!