Ho ricevuto una segnalazione che ritengo importante, già trattata anche dall’amico e collega David Puente, ma chi me l’ha segnalata mi chiede di fare articolo anche su BUTAC in modo che più gente possibile legga e recepisca il messaggio.

Sta girando una circolare dell’INPS falsa, in cui si sostiene che i pagamenti di marzo saranno in forma ridotta del 50%.

La circolare è questa:

Ne riporto il testo per chi avesse problemi a leggerlo dall’immagine:

Messaggio 1003

Oggetto: pagamento pensioni: nuove modalità per situazione di emergenza.

Con il presente messaggio si comunica che a seguito del protrarsi dell’attuale situazione di emergenza, il pagamento delle pensioni per il mese di Aprile avverrà in forma ridotta del 50%, per poi essere recuperato integralmente nel mese di Agosto.

Esiste una circolare “messaggio 1003”, ma non riguarda alcuna riduzione del pagamento INPS. Non è stata introdotta nessuna misura di questo genere. Il problema, come mi è stato segnalato dal dipendente INPS che mi ha inviato il messaggio, è che la gente ci crede, e affolla uffici e intasa centralini per chiedere come fare per avere la riduzione. Con conseguenti disagi per chi invece ha bisogno dell’INPS per altri motivi.

Evitate di condividere qualcosa se non vi è arrivato da fonte affidabile al 100%. Tutte le bufale che stanno circolando in queste settimane contribuiscono solo a un grave aumento della disinformazione, con conseguenze che vedremo nei mesi a venire. Stiamoci attenti, aiutiamo chi non ha gli strumenti per distinguere tra una notizia falsa e una corretta. Evitiamo di aggredire chi ha diffuso una sciocchezza, aiutiamoli a capire perché non si debba fare.

Sperando davvero che passata quest’emergenza il governo italiano (ma anche quello europeo) riesca finalmente a mettere mano al problema Information Disorder con iniziative su scala perlomeno nazionale, che coinvolgano la cittadinanza il più possibile.

Non credo sia necessario aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!