Perché è bello essere un complottista!

1300

 

conspiracy-elvi

Ci sono tante cose nella vita alle quali non si trovano risposte subito. Credo le abbiamo un po’ tutti, no? Robe tipo chi siamo, dove andiamo. Be’, io sono più terra-terra: cosa sono i complottisti? Cosa li spinge a credere che qualcuno li/ci voglia distruggere, avvelenare, deviare?

Dopo mesi di studi matti e disperatissimi, settimane di ricerca intensiva e chi più ne abbia, più ne metta, ho finalmente raggiunto il Nirvana. Non avrò trovato tutte le risposte, ma nel frattempo ho deciso di scrivere un articolo sulla variegata fauna del complottismo. Così, tanto per.

#1: L’informato ignorante

L’informato ignorante vaga tra le pagine di Internet limitandosi e si limita a ricondividere articoli, gridando alla fine del mondo. Se gli venisse chiesto quali siano le sue fonti, la sua unica risposta sarebbero altri link alla spazzatura di Informare per Resistere e Scienza di Confine. Il confronto con lui è impossibile – non che con gli altri complottisti vada meglio. Sarà mica che la celeberrima Laurea in Tuttologia, ottenuta presso l’Università di Youtube e la Facoltà di Facebook, non gli abbia insegnato come esprimersi in un italiano corretto?

Per provare la sua cultura, gli si conceda la possibilità di spiegare la celebre “strisciata in cielo”, altrimenti nota come scia di condensazione. In alternativa, se il soggetto è un fumatore, chiedetegli perché abbia una continua tosse secca e se sia davvero utile guardare il cielo. Che ci crediate o meno, lui risponderà sempre e comunque che i fratelli Marcianò rischiano la vita per noi e i nostri figli.

Giuro: ogni volta che ne sento parlare uno, dentro di me risuona la voce di una certa moglie di un certo reverendo…

Il pappagallo complottista è ovunque: potrebbe essere il vostro collega come il vostro vicino di casa. Per lui scattare foto al cielo tutti i giorni rappresenta il massimo delle sue prove scientifiche. Tenetelo lontano dalla portata dei bambini, gente!

#2: Il losaiano

Questo tipo di complottista risponde a ogni domanda con un link a LoSai. Generalmente pensa che:

  • i massoni satanisti controllano il mondo;
  • le banche sono gestite da massoni satanisti,
  • i vaccini ti fanno diventare autistico,
  • la lobby gay lavora con i massoni satanisti per omossessualizzarci tutti.

Il losaiano è spesso un cattobigotto tendente all’estrema destra: d’altronde, come ci insegna lo sai, il buon vecchio Hitler voleva solo liberarci dalla lobby ebraica. Secondo questo complottaro, l’unica via di salvezza dai giochi di potere è avere fede in Deeho (1), per questo la lobby plutogiudodemoateomassonica di Sion vuole portarci alla perdizione attraverso la diminuzione delle nascite e spruzzando Ebola un po’ ovunque. Il suo motto è: se riconosci un massone, denuncialo alla parrocchia più vicina.

#3: Lo sciacallo spammone (detto il chittipaghista)

Questo qui spamma di tutto: dai fratelli Marcianò e la loro richiesta di fondi per attrezzature scopri polimeri, ai detentori di LoSai con gli innumerevoli spam in ogni articolo della pagina. È il peggiore esemplare di complottaro sulla faccia della terra: lucra sulla menzogna, riporta mezze verità mentre sproloquiano di libero pensiero e vera notizia, quando da ogni titolo di un qualsiasi articolo si evige il loro punto di vista. Lui, il detentore della verità assoluta, l’Adam Kadmon dei poveri… tutto a immagine e somiglianza dei suoi idoli. Lo si capisce quando lo becchi con le mani in pasta nelle cavolate che scrive, quando gli fai notare quanto pensi solo a se stesso. Lo si capisce perché conosce una sola risposta: “CHI TI PAGA?!”.

Personalmente ho avuto spesso il piacere di parlare con Strakkino e con i curatori di LoSai. Indovinate un po’ cosa mi hanno risposto? “Chi ti paga?!”. Sfortunatamente il NWO ha il braccino più corto di quanto pensi: tanto per dire, nonostante gli articoli, il fondatore di BUTAC non è ancora diventato ricco. Mi sono guardata allo specchio e non ho notato scaglie né lingua biforcuta; mi sono morsa il labbro accidentalmente e niente, il sangue è sempre rosso.

Dunque, perché lo faccio?

Perché, cari complottisti che credete di portare a galla la “verità” stando comodamente seduto sul divano, non si salva il mondo accusando gli immigrati o chi scappa dalla guerra di “portare l’Ebola”; non lo si salva accusando i gay di essere una lobby distruttiva della “famiglia tradizionale”. A proposito: se per fare due passi prendete l’auto, non ci salverete dall’inquinamento gridando “all’inquinamento da metalli dovuto alle scie chimiche”!

Non vi piacciono le banche? Sono sicura che non depositate i vostri soldi in una banca etica, dato che i profitti non sono alti. Paura del wi-fi? Bene, al posto di starci attaccati ore, uscite a fare una passeggiata con i figli – ammesso che ne abbiate. Temete che l’immigrato sia parte di un complotto ai danni dell’Italia perché “rubano le case destinate ai poveri italiani”? Informatevi bene, sciocchino: in Italia ci sono case popolari per tutti.

Credete che ci vogliano avvelenare? Rottamate quel macinino sgangherato che vi ritrovate, smettete di fumare, non bere alcolici – bando agli eccessi! Lo sapete cosa diceva Oscar Wilde: “Le cose migliori della vita o sono illegali o immorali o fanno ingrassare“. Datemi retta, ciccini: il vostro fantomatico “governo segreto” non perderebbe tempo a irrorare questa o quella città in cui vivete, perché siete abbastanza idioti da farvi fuori da soli!

E non preoccupatevi, carissimi: anch’io penso ai bambini. Infatti, io spero che in un futuro i miei figli sappiano distinguere tra una bella bufala e una notizia vera!

Nel frattempo, io preferisco metterla sulla pizza.

Elvi

—————————-

(1) Che non è il Dio cristiano, ma colui che il losaiano ha elevato a suo successore spirituale: il “grandissimo” Di Luciano.

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!