Ieri notte scrollavo la mia bacheca social, quando a un certo punto un annuncio sponsorizzato ha attirato la mia attenzione.

Quello nel tondo a destra è Alessandro Masala, in arte S.h.y. (Shooter Hates You), creatore di Breaking Italy, uno dei canali Youtube che seguo con più interesse da alcuni anni. Il post sponsorizzato riporta come titolo:

Un giovane diventa fonte d’ispirazione per tutti

E io ci casco, penso che sia un articolo che parla di Alessandro, che seppur solo virtualmente conosco per aver fatto una live insieme all’epoca del canale Youtube di BUTAC (che stiamo lavorando per far rinascere). Anzi, visto il titolo penso che sia un articolo elogiativo di una persona che stimo, così clicco per andare a leggere. E finisco su un sito che mi propone una mezza notizia, che non riguarda in alcuna maniera Alessandro e mi invita a scaricare un’app per le news sul mio smartphone. L’app è di quelle malevole, che appena installate non fanno altro che rubare dati dal cellulare e usarli per scopi non leciti.

Segnalo la cosa su Twitter ad Alessandro e solo a quel punto scopro che sono alcuni giorni che è vittima di quest’uso non autorizzato della sua immagine.

Evidentemente qualche furbetto della rete ha trovato che la faccia di Alessandro è di quelle che attirano i like e le condivisioni e che ispirano fiducia. Quindi ha pensato bene di sfruttarla su svariati siti truffa.

La gentaglia che segue Shy in rete è tanta e il rischio che qualcuno di loro possa cascare in una di queste truffe c’è. Sarebbe bello che i famosi algoritmi dei social fossero capaci di riconoscere gli account che creano questi post sponsorizzati, e li bloccassero del tutto. Ma evidentemente o è troppo difficile (e questo significa che gli algoritmi non sono ancora abbastanza sviluppati) o non interessa perché i soldi valgono uguale, che li spenda un truffatore o un onesto imprenditore poco cambia.

Stateci attenti, e speriamo che il nostro Alessandro riesca a fare causa e coi soldi che vincerà possa comperare un villaggio turistico affacciato sullo splendido mare della Sardegna!

Che secondo me un villaggio vacanze targato Breaking Italy farebbe faville!

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su Paypal! Può bastare anche il costo di un caffè!