Macchianera awards 2016

42
56

mia2016

E niente, inaspettatamente salta fuori che siamo stati candidati ai MacchiaNera Awards in ben due categorie. La cosa onestamente ci riempie d’orgoglio, sappiamo che probabilmente non vinceremo nulla anche quest’anno, gli antagonisti sono decisamente più agguerriti di noi sia in termini di followers che come notorietà delle pagine.

macchianera

Ma provarci non costa nulla.

La cosa che ci rende davvero fieri è che oltre alla categoria Miglior Sito tecnico divulgativo, dove eravamo nei primi dieci già l’anno scorso, quest’anno siamo candidati anche nella categoria miglior articolo (che è una di quelle più importanti), con”Reality check del Comitato per il Sì referendum trivelle“. Un articolo che a Neil era costato tanto sudore e sangue. Ma ne valeva la pena.
Qui sotto trovate la scheda per votare, i nostri suggerimenti sono questi:

Categoria 1 Miglior sito: Il Post

Categoria 2 Miglior personaggio: Alberto Angela

Categoria 4 Miglior articolo: Il reality check del comitato per il si del Referendum Trivelle

Categoria 5 Miglior community: Feudalesimo e libertà

Categoria 11 Miglior Canale TV: Netflix

Categoria 15 Miglior radio online: Scientificast

Categoria 22 Miglior sito letterario: I dolori della giovane libraia

Categoria 29 Miglior sito Educational, Tecnico, Divulgativo: Butac.it

Categoria 36 Miglior disegnatore, vignettista: Leo Ortolani

Categoria 39 Peggior cattivo online: Ermes Maiolica (e chi sennò?)

 

maicolengel at butac punto it

Articolo precedenteI collegamenti aerei di Mosca
Articolo successivoAnnullati i biglietti dei Coldplay?
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.