ASTEROIDE-TERRA-NATALE

Sempre più spesso la credibilità di ciò che si legge in rete, specie sui “soliti” siti, non viene messa in dubbio solo da come si urla una notizia ai 4 venti di per se normale, facendola diventare sensazionalistica e catastrofica, ma anche dai contenuti sempre più intrisi di inesattezze, leggi sciocchezze. D’altronde basta fare un piccolissimo controllo in rete su siti seri, ufficiali, scientifici, redatti da gente del settore e non da improvvisati del web, per sapere che solo in questo mese, a tutt’oggi 22 dicembre 2015, sono transitati già due asteroidi ad una distanza di 385.000 km (il primo) e oltre 460.000 (il secondo). Cioè a distanze +/- pari a quelle della Luna se non qualcosina di più.
Ma la Luna è là da milioni, anzi, miliardi di anni. Sì, è vero che ogni anno s’allontana di qualche centimetro dalla Terra ma è pur sempre là da “sempre”.

Non si sa perché invece debba fare notizia qualche “sassolino” che ci passa alla distanza della Luna. Ribadiamo il concetto di sassolino, dato che si parla di oggetti del diametro compreso tra 5 e 20 metri, cioè grandi come un furgoncino o al massimo una casetta monofamiliare. Sassolini che, qualora dovessero entrare in atmosfera terrestre, verrebbero bruciati dall’attrito senza i danni catastrofici troppo spesso ventilati solo per sensazionalismo mediatico.

Stiamo parlando de “L’Huffington post”, un blog la cui versione italiana è in collaborazione con il gruppo Espresso e diretto nientepopodimeno che da Lucia Annunziata, un nome che racchiude in se la storia del giornalismo italiano degli ultimi 35-40 anni e per questo dovrebbe essere una garanzia. Evidentemente anche alla brava direttrice scappa qualcosa e non parlo dei quotidiani bisogni fisiologici. Leggiamo assieme qualche passaggio di questo concentrato di disinformazione. Il titolo

L’annuncio della Nasa: la notte di Natale un asteroide sfiorerà la terra

Urca… è la fine del mondo? Vediamo…

La pubblicazione è del 17 dicembre ma già qualche giorno prima, il giorno 7 e anche il giorno 10 già due asteroidi hanno “sfiorato” la terra, come detto in precedenza. Ma siamo ancora qua, vivi e vegeti: dov’è il problema? Dov’è la notizia?

Il cielo natalizio avrà per protagonista una cometa, ma non la classica stellina codata, bensì un vero asteroide che punterà la Terra.

santa-claus-riding-an-asteroid-artwork

Cometa o asteroide ? Se da un lato va precisato che la differenza non è poi così netta, dall’altro sembra che chi scrive manco sappia di cosa parla. Oppure si vuole intenzionalmente richiamare il Natale nel suo luogo più stereotipato e pittoresco che vuole una bella cometa in cielo come si usa nei classici presepi natalizi ?

Ma la curiosità più grande è: a quale distanza sfiorerà la Terra questa “patata” di  1×2 km ? Lo dice l’articolo in questione:

asteroide
un’immagine dell’asteroide 2003 SD220 ottenuta del radiotelescopio di Arecibo a Porto Rico

L’agenzia spaziale americana ha dichiarato che il corpo passerà vicino al nostro pianeta – a circa 150 milioni di km -ma senza alcun pericolo per noi.

Ma che scrivono ? Danno i numeri ? L’asteroide passa a 6 milioni di miglia cioè 11 milioni di km: ne parla tutto il web.

E poi… la Luna (3400 km di diametro) è a 390.000 km dalla Terra, cioè 27 volte più vicina. E… da sempre !!! Cosa ci interessa di un sasso di 1-2 k che passa 27 volte più lontano della Luna ? E per fortuna che hanno specificato che “senza alcun pericolo”… E allora dov’è la notizia ?

Proseguendo, leggiamo che:

Il passaggio è previsto nella notte del 24 dicembre a una distanza di 0,073 UA – una Unità Astronomica corrisponde a – pari a circa 27-28 volte la distanza della Terra dalla Luna.

Qua un dato è corretto (0.073 U.A. cioè Unità Astronomiche – 1 U.A. è circa la distanza media Terra-Sole cioè 150 milioni di km) ma questa non è 27-28 volte la distanza Terra Luna ma molto di più. Questo dato (27 volte) è riferito alla distanza del nostro asteroide rispetto alla Luna, come ho scritto prima. Insomma, la nostra redazione sembra proprio non esserci ne con la matematica, ne con l’astronomia.

Qua la confusione è palese: si è scambiato la distanza Terra-Sole (150 mil. Di km) attribuendola alla distanza dell’asteroide 2003 SD220 (questo il nome) mentre il dato di 27-28 (cioè di quante volte l’asteroide passa più lontano dalla Terra rispetto alla Luna) è stato riferito al numero di distanze Terra-Luna che equivarrebbe ad 1 U.A.

I casi sono 2: o che il giornalista non conosce l’inglese ed ha fatto parecchia confusione nel tradurre l’originale, oppure che non sa nulla di astronomia.

Ad onor del vero esisterebbe anche un terzo caso: cioè che il giornalista non conosce ne l’inglese ne l’astronomia.

E allora la domanda sorge spontanea: ma a chi si lascia il compito di fare (pseudo) informazione se, oltre che urlare “Al lupo, al lupo” si scrivono dati sbagliati ?

Non ci rimane altro che stare lontani da questa disinformazione di alta qualità, sperando che… le stelle siano con noi.

Lola Fox

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

Previous articleGli immigrati vogliono la COLF
Next articleLezioni di guida in cambio di sesso
Seguace di San Tommaso, sento di dover mettere il naso dappertutto ma quasi sempre sento solo puzza di fuffa100%. E sul rapporto causa-effetto nutro qualche preoccupazione: sono i bufalari e/o gombloddisdi a creare creduloneria, o è questa a indurre bufale ? Di certo è che la grande massa internauta non è preparata ad una informazione libera si da controlli di potere, ma anche da verifica della fonte.