Come alcuni di voi sanno (ma non tutti, evidentemente) sono bolognese e ho più di un amico che mi ha rigirato questa notizia:

Divieto camini e stufe a pellet dal 1° ottobre in Emilia Romagna: i comuni interessati e il nuovo regolamento

Il titolo è abbastanza perentorio, e come ben sappiamo molti si limitano a quello. Ma i fatti non stanno esattamente come annunciato dal titolone sensazionalistico.

L’articolo di Investire Oggi è del 27 settembre 2018, mentre la Regione Emilia-Romagna titolava il 6 settembre:

Caminetti, nessun divieto nei Comuni montani e quando sono il solo impianto di riscaldamento

Mai stati a rischio pizzerie e ristoranti. Dal 1° ottobre limitazioni per quelli di vecchia generazione nelle aree al di sotto dei 300 metri e solo nelle case con termosifoni
Non trovate anche voi che siano due messaggi lievemente diversi? Sia chiaro, l’articolo di Investire Oggi ci riporta i dati corretti, ma lo fa solo dopo circa 15 righe di testo:
Dalla prossima settimana infatti scatterà il divieto di utilizzo di camini e stufe a pellet all’interno di tutte quelle abitazioni dove né il camino né la stufa a pellet rappresentano la fonte di riscaldamento principale. Il divieto non varrà invece per chi ha soltanto il camino o la stufa a pellet per riscaldare le proprie mura domestiche durante i rigidi mesi invernali. I comuni interessati sono dunque tutti quelli situati a meno di 300 metri di altitudine in Emilia Romagna.
Perché attendere 15 righe, ripetendo oltretutto cose già dette, per spiegare il tutto al meglio? Forse perché l’editore stesso ha imposto un numero di caratteri per gli articoli, o – ma non voglio essere troppo malizioso – perché l’intenzione era proprio quella d’indignare, parandosi le spalle da chi accusasse l’articolo di essere una bufala.
Purtroppo questo sistema ha falle da tutte le parti, e chi ci rimette è il lettore, desideroso d’informarsi il più possibile. Il divieto su camini è pellet colpisce sicuramente molte case, ma meno di quante pensassimo. Chi ne è colpito non sarà al freddo e al gelo, sono case dove camino e stufa sono oggetti in più, magari acquistati per risparmiare. Ma non l’unica fonte di calore.
Non credo sia necessario aggiungere altro.
maicolengel at butac punto it
Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  camino!

Previous articleRoma e la piazza del PD
Next articleRiace, Shy e Patrick – non un debunking
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.