yahoo

Ho un piccolo tool che mi aiuta a tenere traccia di quando viene menzionato BUTAC in rete. La settimana scorsa ho ricevuto una mail che mi segnalava che eravamo stati citati su Yahoo answers.

Cosa ne pensate dei siti di debunking tipo bufale.net o butac? sono affidabili?

Questa la domanda che veniva posta, solo quattro risposte, è interessante vederle insieme.

Quella ritenuta migliore:

Sono siti per ritardati, per servi del sistema. Sono il feticcio del cerebroleso.
Fanno disinformazione, non fanno altro che confermare ciò che il politicamente corretto impone: fanno propaganda pro-governo, pro-immigrazione, pro-euro. Sono solo un mezzo in più per plagiare il popolino.
Ecco come si presenta Bufale.net:

“Bufale.net è un blog creato da persone comuni che non sono esperte in nessun specifico settore, ne medico ne scientifico, ne aereo-spaziale…Usiamo solo la testa per capire se una notizia è alterata, falsa, presentata in maniera diversa…insomma una BUFALA.”

Tutto scritto in un italiano stentato, pieno di errori. Questa è gente che nella vita viene pagata per disinformare il prossimo. Tu che pensi di chi si presenta così?

4 upvote, nessun downvote, il signore in questione ha un profilo bello blindato, ma se si va a cercarlo si scopre che ha una buona percentuale di risposte migliori (circa il 14%), il che significa che chi ha scritto quanto qui sopra è considerato soggetto autorevole dalla comunità che segue forum come Yahoo answer (o ha più profili con cui si upvota da solo, succede spesso).

Non voglio criticare il suo commento, ognuno è libero di pensare quello che gli pare su BUTAC e bufale.net, ma è curioso vedere tutto per bene.

dipende da come argomentano, spesso quei siti non fanno nient’altro che dire: “questa cosa è complotto, quindi è falso” oppure “questa cosa è troppo strana, quindi è falsa”.

Io li ho scoperti quando mi stavo argomentando sulla teoria della Terra piatta, lì argomentavano bene usando la scienza, esempi pratici, ecc… ma spesso a parte sparare a zero su chi la pensa diversamente dalla massa non fanno nient’altro

2 upvote nessun downvote.

Un commento un filo meno aggressivo, ma mancano fonti, io non metto in dubbio che su BUTAC o Bufale net si possano trovare articoli molto semplificati, sono fatti apposta per il pubblico che devono raggiungere. Ma almeno su BUTAC riportiamo sempre tutte le fonti, sarebbe interessante notare quali siano gli articoli che intende Francis, il commentatore di Yahoo answers.

Procediamo oltre:

Quoto Francis.
Basta leggerne qualche articolo per rendersi conto che non solo non smontano alcunché, ma sono gestiti da gente che semplicemente si limita a scrivere ”è così perché ve lo diciamo noi”. 
In pratica sono loro stessi divulgatori di bufale (col benestare di Boldrini e co.) appositamente selezionati per compiacere il politicamente falso ma corretto e tentare di mettere un freno alla libertà d’informazione (che già è poca).
Tu guarda l’ironia.

Nessun upvote nessun downvote.

E qui andiamo giù pesanti, secondo Anonimo noi siamo divulgatori di bufale col benestare della Boldrini, anche qui nessun link d’esempio, nessuna citazione, solo un sano “è così perché lo dico io”, che è esattamente quello che ci viene rinfacciato.

E arriviamo all’ultima risposta, semplice, veloce, diretta:

Di sicuro molto piu dei siti complottisti

0 upvote 5 downvote.

L’unica voce della ragione (almeno a mio avviso) viene silenziata dal gregge che downvota senza fornire motivazione alcuna. Il dubbio, visti i toni dei commenti, è che siano tutti provenienti dagli stessi ambienti, estremisti di destra con l’hobby del no-vax. Ma è solo un dubbio.

Quello che vorrei che vedeste è come strumenti sensati, se usati male, diventino un’arma a doppio taglio. L’utente che chiede se siamo affidabili ha tutte le sue ragioni per farlo, anche se basterebbe leggere degli articoli e seguire le stracazzo di fonti che forniamo ogni volta per capire se siamo affidabili o meno, ma evidentemente per lui è più sensato “chiedere alla rete”.

Non credo serva aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!