La prima volta che parlammo di JuicePlus era il 2016, e quell’articolo da allora è stato letto da svariate migliaia di persone. Gabriel Deckard (AKA The Ninth) ci spiegava come il magico succo per dimagrire sfruttasse sistemi di vendita poco corretti e che fosse necessario starci attenti.

Gli attacchi che abbiamo subito a causa di quell’articolo sono infiniti. Venditori e venditrici che ci hanno minacciato più volte di denuncia, altre che hanno usato la sottile arte dell’offesa. Insomma, in tre anni è stato un articolo molto letto ma anche molto criticato.

Sotto l’articolo stesso se ne trovano ancora, almeno tra i profili che non sono stati nel frattempo rimossi o chiusi.

Lorenzo Maini ad esempio ci scriveva:

Questo sito fa una solamente una DELETERIA CONTROINFORMAZIONE che uccide di più di una pillola di vitamine concentrate. Voi continuate pure a correre dal medico per una semplice gastrite, io sono 5 anni che uso integratori, peso forma perfetto, non mi ammalo più da allora, esami perfetti, voi? Solo chiacchiere da bar…

Vanessa Rizzo:

Non ho capito poi se si critica il sistema piramidale o i prodotti… bah. Comunque kilokal e simili o herbalife tutto okay no? Perché non dedicate una bell’articolo anche su di loro? Probabilmente chi si affida alle aziende farmaceutiche (li si che si parla di soldi) non Va messo in discussione ma jplus si.
Bah…

E sempre Vanessa insiste:

Io li ho usati e non ho avuto nessun effetto collaterale se non quello di comprare pantaloni nuovi. Anzi la mia ernia iatale è rientrata. Secondo me la gente critica senza conoscere i fatti veri: la realtá vissuta da molte persone che grazie a juice plus perdoni peso e tornano a vivere il loro corpo senza ansie e paure!

Chiara sfruttava la tecnica del contattatemi in privato:

Se volete avere informazioni vere e dettagliate dei prodotti e dei costi contattatemi su Facebook messenger: https://m.me/chiara.***********
Come in ogni prodotto c’è buona e cattiva pubblicità, io posso darvi la mia testimonianza del mio percorso e del mio cambiamento

Claudia:

Non so chi tu sia ma comunque falla finita! I prodotti funzionano eccome! È un bellissimo programma sano completo dove si mangia e non si patisce la fame! Si perde peso e centimetri in modo tranquillo piano piano mangiando tutto

Ma perché vi faccio fare questa passeggiata nel passato? Perché è notizia di due giorni fa che JuicePlus è stata condannata al pagamento di 1 milione di euro per pubblicità ingannevole.

Riporta Agcom:

il procedimento ha riguardato due profili: innanzitutto, la strategia di vendita adottata da JuicePlus incentiva la condivisione di esperienze di consumo non necessariamente autentiche. Nello specifico, è stata esaminata una forma di marketing occulto realizzata principalmente tramite pagine e gruppi segreti Facebook, consistente nel non rendere palese che i venditori dei prodotti JuicePlus agiscono nel quadro della propria attività commerciale, i quali, al contrario, si presentano falsamente sotto la veste di consumatori.

In secondo luogo, è stata accertata l’ingannevolezza delle informazioni diffuse con riguardo alle caratteristiche principali dei prodotti e dei risultati che si possono attendere dal loro utilizzo, soprattutto in termini di efficacia dimagrante e curativa, promettendo che con l’assunzione dei prodotti in esame sia possibile guarire da talune patologie o ottenere notevoli cali ponderali in poco tempo.

Onestamente non so se 1 milione di euro sia poco o molto, so che il sistema di vendita è lo stesso da quando ha aperto BUTAC e che di clienti (e venditori) ne hanno macinati moltissimi. Quello che vorrei fosse chiaro a tutti è quel:

ingannevolezza delle informazioni diffuse con riguardo alle caratteristiche principali dei prodotti e dei risultati che si possono attendere dal loro utilizzo, soprattutto in termini di efficacia dimagrante e curativa

Avete amici o amiche che vi proponevano quei succhi in maniera insistente? Non erano veri amici, non erano interessati al vostro stato di salute, ma solo a raggiungere il volume di vendita richiesto dall’azienda. Come spiegavamo nei commenti all’epoca:

I chili li perdereste alla stessa identica maniera andando da un vero medico dietologo e seguendo le indicazioni che vengono date. Senza spendere un euro in più del ticket della visita. Vedi tu … Ma ovviamente in quel modo non ci sarebbe un giro di soldi folle gestito da furbetti del succo di frutta.

Per concludere, oggi abbiamo parlato di JuicePlus, qualche settimana fa di Lyoness, la solfa però è sempre la stessa. Chi sfrutta sistemi di vendita di questo genere non è mai interessato davvero a quel che vende ma solo a come lo vende e quanto ne vende (che siano tessere cashback, succhi di frutta dietetici o altro ancora poco cambia). Io al vostro posto imparerei a stare più attento a chi frequento.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!