NAPOLEONE-CHIP

L’arcinoto dottor Andre Dubois avrebbe trovato un microchip nel cranio della salma di Napoleone Bonaparte. L’oggetto, trovato durante una ricerca finanziata dal governo francese, sarebbe di origine aliena. In breve:

Era uno strumento di controllo mentale extraterrestre.

Che bufala magnifica

aliennapoleon

Il governo francese non ha autorizzato, né pagato, alcun studio recente sulla salma di Napoleone. Infatti, questa non è altro che una vecchia storiella, che torna – occasionalmente – sulle pagine di siti e giornali farlocchi. Così, giusto per destare scalpore (ma sappiamo bene che l’unica ragione è raccogliere click ed uTonti). Ne parlava nel 2011 UFONLINE, sbufalando la storia in maniera egregia, nel loro pezzo si trova persino una pagina dell’8 aprile 1997 del Weekly World News dove già girava.

aliennapoleon2

Come spiega UFONLINE:

L’unico vero studio su Napoleone e i misteri che lo circondano è italiano e riguarda i sui  capelli. Infatti, grazie alla riesumazione di altri corpi dell’epoca, si è confrontato con un’analisi chimica, la differenza di composizione delle persone nostre contemporanee con quelle che vivevano nell’800. La differenza sarebbe dovuta alla quantita’ della sostanza ingerite o respirate all’epoca, le quali sarebbero state di gran lunga in dosi piu’ elevate rispetto a quanto accade invece adesso.

Cosi’ si è certificato che Napoleone non fu mai avvelenato con l’arsenico, ma semplicemente mori’ per cause naturali, il tumore allo stomaco. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista di prestigio “Il Nuovo Saggiatore” grazie al materiale reso disponibile dai musei Glauco-Lombardi di Parma, dalla Malmaison di Parigi e dal Museo Napoleonico di Roma. La differenza con la notizia vecchia e riesumata di oggi è che non esiste nessuna pubblicazione scientifica del microchip nel cranio del condottiero Corso.

Bah, una volta i complottari cercavano almeno di impegnarsi…

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!