ARTICOLO AGGIORNATO

Lo stesso padrone ha pubblicato uno status che toglie ogni dubbio sulle accuse che facevo qui sotto:

Kaos non era un cane eroe…. sono altri i cani eroi .. forse lo sarebbe diventato

E ancora il 31 luglio alle 21:15 aveva riportato:

Grazie a tutti per i moltlepici messaggi.. pian piano sto rispondendo a tutti … oggi ho meno pressione e più Libero … Non potevo immaginare un post potesse scaturire una cosa mediatica così enorme .. se tornassi indietro non lo metterei… la gente mi chiamava dicendomi che ero in tv.. le immagini prese sul mio profilo … ma non è questo il punto .. sono giorni che penso ad una frase ” il cane eroe”, ma non ho avuto mai possibilità di scrivere… il telefono era bollente, ci ho provato con due interviste rilasciate a dare un indirizzo ma vane facendo nomi di cani di conduttori … ora lucido nuovamente scrivo qua…i cani eroi sono altri sono cani che lavorano da una vita che hanno esperienza da vendere e poi ognuno ha le sue doti..per citarne una CAMILLA è (era) un cane eroe dei vigili del fuoco… era doveroso per i miei colleghi cinofili di qualsiasi forza appartenente… Kaos non era un cane eroe o almeno lo sarebbe stato Kaos era il mio cane anzi io ero suo …. un abbraccio a tutti i cani impegnati nel loro lavoro

Per ora non ci sono sicurezze sui risultati dell’esame autoptico, ma le prime voci che circolano parlano purtroppo non di avvelenamento ma patologia cardiaca. In attesa di vedere TUTTE le testate smentire i fatti e riportarli con lo stesso clamore mi piacerebbe vedere i politici che ci hanno messo la faccia (come ad esempio quel sindaco che l’anno scorso accusava la Protezione Civile di aver fatto svanire i soldi delle donazioni e che trova sempre un momento per far apparire il proprio nome sui giornali) fare pubblica ammenda.

Ma è estate e lo stato dell’informazione è quel che è. PS giusto per chiarezza, se avete letto articoli che parlano di infarto anche quelle sono sciocchezze.

Mi sono arrivate alcune segnalazioni su una storia che da oltre 24 ore sta facendo il giro del web: la morte del cane Kaos. Avevo visto anche io la notizia, e i dubbi che i lettori mi segnalavano erano gli stessi che erano venuti a me leggendo i testi degli articoli di molti giornali.

Tutte le testate riportano gli stessi due dati, cane avvelenato, cane eroe di Amatrice. Ho svariati lettori veterinari o studenti di veterinaria, e alcune segnalazioni vengono proprio da loro, che esprimono perplessità per il fatto che si sia gridato all’avvelenamento senza aver atteso i risultati di nessun esame necroscopico, e che si siano creati titoloni ben prima di avere fatti comprovati alla mano. Ovviamente questo ha creato un tam-tam di indignazione che ha scosso tutti gli amanti degli animali della rete. Ma su quali basi?

LEGGI ANCHE:  Google Drive e la cancellazione dei dati

Secondo la ricostruzione dei fatti, il cane è stato trovato morto nel suo giardino dal proprietario. Il quale, pur senza il referto di un veterinario, ha subito pubblicato una precisa accusa su Facebook, parlando di avvelenamento senza specificare che si trattasse di un sospetto non verificato. Nel frattempo, mentre si va alla ricerca del colpevole, le cause della morte del cane restano da individuare.

Ma quanti anni aveva Kaos? Ecco, questo è l’altro punto che mi ha lasciato un filo interdetto. Nessuno ne riporta l’età, tutti ne parlano come del cane eroe di Amatrice. Ma di lui non trovo nessun riferimento nei racconti del periodo del terremoto. Uno dei lettori mi segnalava questa stranezza, cioè nessuna citazione di Kaos nelle cronache dell’epoca. Un’altro lettore mi mandava un’immagine, tratta dai social, che annunciava l’arrivo di Kaos il 18 giugno 2016. Queste le foto del post che ho ritrovato anche io su Facebook:

Quel cane nelle foto è un cucciolo, a due mesi dalla scossa più forte di Amatrice. Molto difficile che possa aver compiuto gesti eroici sul posto. E come dicevamo le cronache non ne riportano traccia.

Sia chiaro, neppure i post del proprietario parlano mai di “eroe” di Amatrice. Nessuno.

Il 28 luglio alle 12:08 scrive:

Scomparso fa ieri sera .. pastore tedesco grigio focato risponde al nome di Kaos… chi lo.vedesse mi contatti al 328*******

Sempre il 28 luglio alle 12:43 scrive:

Tu persona di merda spero non potrai avere pace finché vivrai .. mi hai tolto la cosa più preziosa e che Dio la.possa togliere a te devi morire tu avvelenato …. lo hai tolto ad una comunità intera… si perché lui ha salvato vite spero che non ne avrai mai bisogno … corri amico mio cerca ora dispersi lassù… nel.mio cuore sempre

E ancora il 28 luglio alle 15:09:

Ciao amico mio !!!!! Hai lasciato un vuoto incolmabile per mano di una persona meschina .. continua il tuo lavoro lassù continua a cercare dispersi, a salvare vite umane… Non provare odio per chi ti ha fatto ciò, anzi se un domani avrà bisogno aiutalo sii superiore e quanto ti guarderà negli occhi e vedrà che sei tu il suo Salvatore morirà lentamente da solo…. Kaos ne abbiamo.viste tante … aiutati tanti e tanti non ci siamo riusciti… hai lavorato giorno e notte, quando è servito non ti sei mai risparmiato .. sei stato un amico fedele abbiamo condiviso e diviso casa.. divano .. tutto .. corri amico mio corri non ti fermare un giorno ci abbracceremo nuovamente

Chi ha fatto riferimenti ad Amatrice è la pagina Animalisti nel cuore Onlus, che ha dedicato al povero cagnone un video in cui viene mostrata un’esercitazione di Kaos.

LEGGI ANCHE:  Amatrice - I camper sotto la neve

Quindi per riassumere, Kaos è morto, e questo per un padrone è un dispiacere quasi pari alla perdita di un figlio. Lo so bene, quando ho dovuto salutare il mio cane è stato straziante. Ma cosa sia successo a Kaos dalla sua scomparsa al suo ritrovamento lo potrà dire solo il referto, che per ora non è stato ancora fatto. Che fosse però un cane noto per i suoi atti d’eroismo ad Amatrice, al momento, non risulta da nessuna cronaca. se non da un post social scritto non dai suoi padroni ma da un’associazione animalista, a questo punto immagino autori anche del comunicato alla stampa nazionale.

Tutti i giornali italiani hanno dedicato spazio alla storia solo sulla base di quell’affermazione:

In attesa di link che confermino il suo essere l’eroe di Amatrice resto qui, vigile sui big likes di una storia che se non avesse avuto quel collegamento, purtroppo, non avrebbe avuto alcun risalto. Di cani (e altri animali) avvelenati in Italia ne muoiono ogni anno tanti, ma nessuno avrà l’esposizione mediatica di Kaos.

Aggiunta di 10 minuti prima di pubblicare: continuano a segnalarci post in cui si fa riferimento al cane eroe con foto a casaccio. Questa ad esempio, pubblicata da una pagina che campa di contenuti potenzialmente virali (e che infatti ha già fatto svariati post in onore di Kaos):

 

…e che è invece una foto scattata negli USA, durante il saluto di un agente di polizia al suo collega canino. Potete leggere la storia qui.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!