Uno dei follower su Facebook mi ha segnalato questo vecchio articolo dove con aggettivi superlativi si descrivevano le mirabolanti innovazioni che due persone stavano apportando al mondo dei computer.

L’articolo, breve ma serio ci descrive il “Prototipo” del PlantBook, il computer ossigenato (o idrogenato non so):

Questo prototipo, progettato da Seuggi Beak e Hyerim Kim, è un pc che coniuga perfettamente tecnologia ed ecologia: Plantbook, infatti, si “innaffia” per essere ricaricato e si arrotola come una canna di bambù

Intanto partiamo malissimo, i due DESIGNER sono Seunggi Baek & Hyerim Kim, e non Seuggi (già questo piccolo errore dovrebbe indicarci la via), e non l’hanno progettato, visto che di costruzione e assemblaggio non capiscono una cippa, l’han solo disegnato. Questo è quello che si chiama concept, un qualcosa che forse potrà servire d’ispirazione a qualche CEO di grandi aziende, ma nulla di più, non c’è uno studio dei materiali, nessuna analisi di fattibilità, nessuna conoscenza specifica d’informatica da parte dei due designer, solo qualche bel disegnino in cad e qualche idea, alcune già viste – gli schermi che si arrotolano – altre no, la foglia che indica il livello della batteria)…

Non c’è NESSUN PROGETTO in merito, non esiste nessun prototipo in funzione, non si è mai andati più in la del disegno…

In tutto ciò quello che mi lascia basito è il non aver saputo tradurre il chiaro termine concept e esser ricorsi a chiamarlo prototipo…l’ignoranza pur di far clikkare qualche volta di più la fa decisamente da padrone. Vedrete che prima o poi arriverà qualche complottaro a dire che il prototipo esisteva, ma è stato distrutto dalle BigPCCompany per evitare la concorrenza…che tristezza!

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!
Previous articleTelethon truffaldino
Next articleNuovo sport nazionale…
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.