bimbo18mesi-meningococco2

Non ho altro titolo per questo veloce articolo che sto scrivendo, non saprei come altro descrivere le tante redazioni idiote che stanno riportando l’annuncio di ANSA:

Bimbo muore dopo vaccino contro meningite nel catanese

ansa-binbo18mesi-menigococco

Avete la più pallida idea dei danni che fate con titoli del genere? Avete prove che sia colpa del vaccino? No, nessuna, il vaccino è stato fatto tre giorni prima, titolare dando per scontato che ci sia qualche legame è da imbecilli. Sia chiaro, i giornali sono anni che ci hanno abituato a questo genere di titoli, ma vederli su ANSA mi dà un fastidio immenso. L’articolo avrebbe avuto lo stesso identico valore se si fosse intitolato

Bimbo di 18 mesi muore nella notte, incerte le cause del decesso

Per poi spiegare nel testo le stesse identiche cose dette nell’articolo originale:

Un bimbo di 18 mesi al quale tre giorni fa era stato somministrato il vaccino antimeningococco del tipo C -contro la meningite – è morto la notte scorsa in un’abitazione di Palagonia (Catania). La Procura della Repubblica di Caltagirone ha aperto un’inchiesta per stabilire le cause del decesso. Il sostituto procuratore Fabio Salvatore Platania ha disposto l’autopsia. Indagano i carabinieri del Nas di Catania, che dovranno accertare se la causa della morte del bimbo sia è attribuibile al vaccino oppure se il decesso sia stato dovuto ad un’altra causa.

Anche perché sappiamo bene che se la causa del decesso è tutt’altra, senza sensazionalismi, nessuno correggerà l’articolo originale, lasciando comunque il dubbio in chiunque vi incapperà che il vaccino sia stato il colpevole. Cercare di attirare il lettore a tutti i costi può andarmi bene su articoli di gossip, ma quando si parla di salute il titolista è il caso che prima di scrivere alcunché faccia un piccolo esamino di coscienza: “Quanto sto per scrivere può fare danni ad altri?” Se la risposta è sì, è meglio cercare di cambiare titolo, e puntare sulla sicurezza.

Sotto ad uno dei tanti post che stanno girando in rete il commento di un amico biologo ritengo sia il più corretto:

avrebbe potuto anche scrivere che il bimbo è morto per una reazione allergica alla pappina mangiata il giorno prima! quante cose ha assunto il bimbo oltre al vaccino quel giorno? con quante sostanze è entrato a contatto? ha assunto altri farmaci oltre al vaccino? ovviamente queste cose non si sanno…si da risalto solo al fatto che abbia fatto il vaccino

Ad inizio novembre Butac sarà a parlare ad un convegno medico, il cui tema è ampliare gli orizzonti della comunicazione sui vaccini. Ecco, questo titolone di ANSA rientra tra gli esempi di pessima comunicazione sfruttati da giornalisti e blogger per attirare lettori e attenzione. Non è giornalismo, ma solo sensazionalismo da tabloid. Purtroppo, come spesso accade, un comunicato di AIFA o del Ministero della Salute per fare chiarezza sulla storia ancora non si è visto; li comprendo, vorranno avere la certezza dei fatti, purtroppo però nel tempo che trascorre tra la notizia e il concludersi della triste vicenda la storia si allarga a macchia d’olio.

Live Sicilia è riuscita ad intervistare i medici dell’ospedale dove è stato portato il povero bimbo, questo quanto riportano:

Devono accertare se la morte sia correlabile con la somministrazione del vaccino contro la meningite. “Non lo possiamo escludere – continua Cuccia – ma appare poco credibile, tenuto conto che il vaccino è uno dei meno reattogeni e la vaccinazione è avvenuta nella mattinata di martedì, ben 72 ore prima del decesso”. Sul corpo del piccolo è stata disposta l’autopsia, “bisogna lavorare – spiega Cuccia – su precipitati da complessi antigeni-anticorpi per stabilire se c’è stata una reazione immunitaria prodotta dal vaccino”.

L’attenzione degli investigatori è concentrata su quelle lunghissime 72 ore che separano il vaccino dal decesso e su quella terribile notte, quando, secondo la ricostruzione del responsabile Igiene Pubblica dell’Asp, al bambino sarebbe salita la febbre. “Sappiamo che è stata somministrata la tachipirina, un farmaco – ricostruisce Cuccia – molto sicuro, non so però quando, esattamente, sia avvenuta l’assunzione, né quale fosse il livello della febbre”.

La correlazione tra il decesso, il vaccino e la possibile assunzione di tachipirina è, al momento, esclusivamente temporale.

Questo è riportare le informazioni nella maniera corretta!

Come ricordiamo sempre, Butac fa parte della famiglia TeamVaxItalia, per la corretta informazione sulle vaccinazioni pediatriche.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!