La giostra delle truffe funziona a pieno ritmo ultimamente. Mi avete segnalato un messaggio che circola su Whatsapp e che dice:

Ciao a Tutti! 😀 Qualche giorno fa c’è stata una pubblicità in televisione che ti permettev a di vincere un iPhone XS 256 GB per soli 1€ rispondendo a 4 domande correttamente! ❤ Ho poi scoperto che non devi far altro che inserire il codice: KDG892KLY su Google , cliccare sul primo link nei risultati e leggere questo articolo per saperne di più ❤ È molto semplice! 😮 Ieri ho ricevuto per posta un pacco che conteneva il nuovo iPhone Xs! 😀 Meglio sbrigarsi, la promozione è fino a domani! ❤

Abbiamo già visto questo genere di truffe, giocano abilmente sulla voglia di un iPhone a prezzo stracciato. Qualcuno che ci casca lo trovano sempre. Lo so, qualcuno di voi sostiene che chi ci casca se lo merita. Ma così facendo legittimiamo il truffatore a truffare. E non è questo lo scopo di questo blog.

Il trucchetto è facile, un messaggio virale lanciato sulle app di messaggistica sfugge ai controlli e alle verifiche dei social e incuriosisce. Inserendo quel codice su Google troviamo un singolo risultato (il codice è studiato ad hoc per risultare così):

La serie di click da seguire da quel momento in poi è come al solito lunghetta, veniamo rispediti su almeno tre domini differenti, ci viene richiesto di inserire dati personali per registrarci e infine i dati della nostra carta di credito. Il tutto con una premessa fatta apposta per convincerci. Nel secondo dominio che veniamo portati a visitare difatti un testimonial ci spiega:

All’inizio, ho pensato fosse la solita truffa online, ma poi ho fatto delle ricerche ed ho scoperto che Candyonclick è una vera azienda pubblicitaria ed un partner ufficiale di Apple. Ho deciso di rischiare: dopo tutto, erano solo 1 euro… Il costo di una colazione al bar! 2 giorni dopo, ho guardato nella mia cassetta postale ed ho visto una scatola lucida che recava il logo di Apple.

Lo sprovveduto pensa “eh vabbè ma è il costo di una colazione…” Invece abbiamo fornito al sito nome, cognome, indirizzo di casa, numero di telefono e dati della carta di credito. Con quei dati truffatori seri sono in grado non solo di vuotarci il conto, ma anche di rubarci l’identità digitale.

LEGGI ANCHE:  Minestrone di fuffa, antivaccinisti e popolo unico

Occorre stare sempre attenti, e magari essere un po’ invadenti con gli amici più imbranati con la tecnologia. Far capire loro che quella presentata non è altro che un’abile truffa celata sotto forma di offerta speciale, senza offenderli, senza prendergli in giro, ma spiegando perché è pericoloso che partecipino in questo genere di condivisioni.

Non credo serva aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su Paypal! Può bastare anche il costo di un caffè!