Sta circolando da qualche settimana sul web una foto che mostra un rene pieno di calcoli. Il messaggio con cui la foto viene fatta circolare sostiene che si tratti del rene di un uomo che beveva Coca Cola tutti i giorni.

Ovviamente il numero di soggetti che si sono allarmati alla vista della foto è immenso, in tutto il mondo. Peccato che (ovviamente) non esista alcuna prova di quanto viene sostenuto nei tanti articoli che circolano.

Le possibilità sono due: si tratta di un caso di calcoli renali estremamente grave che ha portato alla necessità di rimuovere l’organo, oppure è un riscontro autoptico quindi parliamo di un cadavere. Ma non c’è nessuna fonte affidabile che faccia riferimento al consumo di Coca Cola.

Chi la condivide addossando la colpa alla popolare bevanda americana sta facendo disinformazione, cercando di attaccare la Coca Cola in particolare. Ma il giochino è di quelli vecchi, che hanno stancato. Attaccare marchi in questa maniera senza la minima prova di quanto si sostiene è sciocco, primo perché si rischia di poter essere accusati di diffamazione, secondo perché viene passata l’idea che gli altri brand siano innocui.

Un consumo esagerato di soft drinks fa male, qualsiasi sia la marca che assumete. Moderazione è da sempre la parola chiave, che beviate Coca Cola quanto Pepsi Cola o altre bevande zuccherate di quel genere.

Esiste uno studio molto chiaro in merito le cui conclusioni riportano:

Consumption of sugar-sweetened soda and punch is associated with a higher risk of stone formation, whereas consumption of coffee, tea, beer, wine, and orange juice is associated with a lower risk.

Che tradotto:

Il consumo di bibite gasate e zuccherate è associato con un maggior rischio di formazione di calcoli, quando il consumo di caffè, tè, birra, vino e succo d’arancia è associato con un minor rischio.

Ogni attacco a un marchio in particolare è l’attacco di uno stolto che ha precisi motivi per manipolare i fatti a suo uso e consumo. Se vedete pagine che diffondono materiale sulla salute e che sfruttano anche questo genere di notizie semi-bufala, sappiate che non sono persone degne di fiducia, ma solo soggetti con interessi ben precisi che cercano di manipolare la vostra percezione dei fatti.

Sul sito americano Hoax or Fact la cosa è spiegata in maniera molto completa. Qui invece trovate tutte le linee guida per i calcoli delle vie urinarie, sia mai che possano servire.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!