AGGIORNAMENTO del 24 Gennaio 2015
10941959_765851976839609_1962824202_o
L’immagine qui sopra vi dimostra come sia facile raggiungere numeri folli con le raccolte firme, firmandosi Paperino, Pippo e Rossella O’Hara. Smettete di condividere le petizioni online, servono solo a raccogliere dati e spacciare un po’ di sano SPAM!

Siete in tanti che mi avete chiesto di varie petizioni online per fermare questo o quest’altro, ultimamente in moltissimi mi avete segnalato petizioni che riguardano pelli di gatto e cane usate in pelletteria!

Premesso: le petizioni online NON HANNO ALCUN VALORE specie se l’unica cosa richiesta è un indirizzo e-mail e poco più, servono solo ad aumentare l’ego di chi le crea e a fornire indirizzi mail e altre info per eventuale spam successivo!

per quanto riguarda le petizioni su pelli di cani e gatti vorrei ricordare a tutti che in Italia vige un ordinanza del Ministero della salute che dice così:

1. E’ vietato:
a) utilizzare cani (Canis familiaris) e gatti (Felis catus) per la produzione o il confezionamento di pelli, pellicce, capi di abbigliamento e articoli di pelletteria costituiti od ottenuti, in tutto o in parte, dalle pelli e dalle pellicce di dette specie animali;
b) detenere o commercializzare pelli e pellicce di cane e gatto delle specie di cui alla lettera a);
c) introdurre nel territorio nazionale pelli e pellicce di cane e di gatto delle specie di cui alla lettera a), per qualsiasi finalità utilizzo, nonché capi di abbigliamento e articoli di pelletteria costituiti od ottenuti, in tutto o in parte, dalle pelli e dalle pellicce di dette specie animali.


L‘ordinanza la trovate pubblicata nella sua interezza sulla Gazzetta Ufficiale di Gennaio 2003 o sul sito del Ministero della salute, qui:
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_normativa_364_allegato.pdf

Per quanto riguarda la legislazione svizzera in merito ho delle lacune, ma da quel che ho trovato anche da loro il gatto e il cane domestico sembrano protetti e tutelati, quindi ho il dubbio che anche li si tratti di bufalona…ma non la certezza!

La certezza resta sull’inutilità di queste petizioni, fatte ad hoc per generare traffico e spingerci a lasciare una mail. Lo capite vero che una petizione firmata con una mail NON PUO’ SERVIRE A NULLA, vero? Che senza una firma digitale ad accompagnare il tutto potremmo rifirmare lo stesso documento con tutti gli indirizzi mail che vogliamo…quindi siti che offrono questo servizio, o lo fanno richiedendo la firma digitale o sono FUFFA, da NON CONDIVIDERE e da segnalare!

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!