Sta (ri) circolando una bufala che avevo già visto (e sbufalato) ad inizio 2013, ma Bufale Un Tanto AL chilo ancora non esisteva. La storiella che l’Enel stia truffando i clienti con una tariffa per uso NON residenziale anche quando avrebbero diritto a quella da residente.La colpa è dell’Enel stessa e della sua dicitura sulle bollette, dicitura che può davvero trarre in inganno visto che dice:
Uso Domestico Non residente con tariffa D3
In realtà questa tariffa è la stessa anche per i residenti che abbiano richiesto una potenza superiore ai 3 Kw, cosa molto normale oggi, sicuramente costa un po’ di più della D2, ma le tariffe per domicilio sono quelle: la D2 e la D3; non esistono altre alternative, quindi, a meno che non viviate in un monolocale senza forno e lavatrice credo vi tocchi la D3, e sia che sia che siate residenti sia che non lo siate pagherete uguale!

Per sbufalare questa boiata bastava andare sul sito dell’Enel dove a questa pagina si trovavano tutte le info a riguardo, ma la fame di click e di visite supera sempre il concetto di fact checking.

TARIFFE D2
TARIFFE D3
Dalla pagina Facebook qualcuno ha insistito nel dire che D2 è sufficiente a molti, quindi ritiro ciò che ho detto sul fatto che quasi tutti usino D3, se il vostro contratto è D3 e non avete fatto nulla per variarlo la colpa è vostra in partenza, l’Enel (o chi per lei) non può scegliere una tipologia di contratto NON approvata da voi. Sempre da Facebook qualcun’altro ha sostenuto che l’Iva è diversa tra cliente residenziale o meno, ma anche qui c’è un errore (in parte per colpa della poca chiarezza di Enel stessa):

L’accisa come potete vedere qui sopra è la stessa!

E anche l’IVA è uguale, l’errore di Enel è definire gli Edifici residenziali e da li qualcuno potrebbe pensare che siano edifici per Residenti, ma vuol solo dire che li la gente ci vive e usa l’energia per fini domestici!

Qui la pagina delle imposte di Enel:
http://www.enel.it/it-IT/clienti/enel_servizio_elettrico/imposte_info/

maicolengel at butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

Previous articleBanane anti cancro
Next articleFalse flag – attrici nelle stragi?
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.