Mi avete segnalato un’immagine che circola online. Mostra una bandiera rossa su cui sono riportati la svastica nazista e la falce e martello simbolo dei comunisti. Il testo nell’immagine riporta:

Se questo ti offende (la svastica) e questo no (falce e martello) Vuol dire che sei vittima del sistema e preda dell’ignoranza. Sotto i due simboli sono riportati dei numeri, con la svastica si parla di 16 milioni di morti con falce e martello 162 milioni di morti.

Non sono riportate fonti per i dati che vengono sostenuti, nessun link che spieghi a cosa facciano riferimento. Le stesse frasi sono riportate in inglese.

Non è molto chiaro da dove arrivi l’immagine, ma ritengo sia interessante parlarne per fare un po’ di chiarezza in merito.

Vediamo di capirci, è vero che i nazisti hanno causato la morte di circa 16 milioni di persone? Diciamo di sì, nel senso che tra soldati morti per mano di azioni di guerra nazista e civili morti per repressione nazista il numero è suppergiù quello. Calcolato sui morti dall’apertura dei campi di concentramento fino alla fine della guerra. Se dovessimo fare un confronto corretto paragoneremmo i numeri con lo stesso periodo in Russia. Volendo allargare il campo potremmo decidere di tenere presente i due leader politici, e quindi paragonare gli anni con Hitler al comando con quelli in cui c’era Stalin.

Ma quel 162 milioni invece è un numero (decisamente astratto, ma con fonti) che include tutti i morti (per una ragione o un’altra) durante i regimi comunisti. Da quelli fatti sparire perché scomodi al regime ai genocidi per mezzo di stratagemmi, come la mancata distribuzione di derrate alimentari. Il numero è l’ultimo di una serie di stime, ricavato da un’associazione americana che si chiama Victims of Communism Memorial Foundation.

Il dato ricavato dall’associazione stimava tra 42,870,000 e 161,990,000, che è una stima decisamente a maglie larghe, ma conferma comunque che tra vittime nere e vittime rosse le seconde sono sicuramente di più. I numeri sono stati più volte criticati sostenendo (in base a chi muoveva le critiche) fossero sottostimati o esagerati, ma poco cambia. Sia il regime nazista che quello comunista hanno un bel po’ di scheletri nell’armadio.Risultati immagini per adunata nazista

Quello che però va rilevato è come quelle morti per mano del nazismo siano tutte concentrate in un ristretto arco di tempo, mentre le altre sono calcolate dagli inizi del Novecento fino alla perestroika (e prendendo in considerazione tutti i Paesi con regimi comunisti). Una forbice decisamente più ampia.

Questo non significa in alcuna maniera minimizzare: come ripeto spesso sono contro ogni estremismo, e movimenti politici che siano causa di milioni di morti non sono nel mio DNA. Sono persona decisamente pacifica, ma so che qualcuno arriverà qui a commentare con la solita rabbia. Come già detto altre volte fermatevi un secondo, riflettete, bevete una bella tisana e poi tornate pure a dirci cosa ne pensate.

Quello che vorrei dire, ma si tratta della mia personale opinione, è: a chi giova far circolare posterini come questo? Forse si vuole giustificare l’estremismo di destra dilagante, sostenendo che alla fine non fosse così male se ha fatto “solo” 16 milioni di morti? Una sorta di “E allora il PD?” regime edition? Io non ho dubbi che esistano nostalgici del regime comunista, quello vero, quello colpevole anche di genocidi. Ma nel nostro Paese quei soggetti sono una minuscola nicchia. Il PD e la maggior parte degli altri partiti definiti “comunisti” dai loro detrattori ha decisamente poche delle caratteristiche di un partito comunista. Non rendersene conto nel 2019 significa veramente essere vittima dell’ignoranza. I comunisti come quelli che s’intende attaccare con immagini così sono, nel nostro Paese, estinti da tempo. O vorreste forse dirmi che Renzi e Martina sono facce da falce e martello?

Non voto PD, non l’ho mai fatto, ma sicuramente non è con questi posterini che mi convincerete a votare a destra.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!