Non ci facciamo nuovi amici oggi visto che ci tocca sbufalare il simpatico “consulente scientifico” di Striscia la notizia. Oggi sfrutto l’aiuto di Tommaso di Mambro, che da studente di biologia ci aiuta a fare chiarezza sulla questione dell’agricoltura biodinamica®.

Cominciamo dall’inizio

L’8 gennaio 2020 va in onda un servizio all’interno del Tg satirico di Canale 5 che s’intitola “Coltivare nel deserto”. Quello che sembra un normale servizio informativo rischia di essere una pubblicità occulta per l’agricoltura biodinamica®.

Gabriele, il giovane “consulente scientifico” ci racconta durante il servizio di come siano riusciti a coltivare nel deserto dell’Egitto. Durante tutto il servizio Gabriele pone una domanda: è fantascienza? La cui risposta, visti i toni del servizio, pare ovvia: non è fantascienza, è  tutto merito dell’agricoltura biodinamica®.

Molto bene, anzi… molto male.

Cos’è l’agricoltura biodinamica® e da chi è stata inventata?

L’agricoltura biodinamica® è un insieme di pratiche esoteriche, unite all’astrologia e all’omeopatia, e all’olistica. Si tratta di pratiche pseudoscientifiche che si rifanno agli insegnamenti del fondatore dell’antroposofia, Rudolf Steiner. Steiner, pur non avendo alcuna competenza nel settore agricolo e biologico, impartì otto lezioni intitolate “impulsi scientifico-spirituali per il progresso dell’agricoltura”.

Per farvi un esempio lampante, citiamo uno degli insegnamenti provenienti dalle sue lezioni:

Catturate un topo abbastanza giovane e spellatelo in modo da recuperare la pelle. Ora avete la pelle (ci sono sempre abbastanza topi, ma devono essere topi di campo se volete fare questo esperimento). La pelle del topo però deve essere ottenuta quando Venere è nel segno dello Scorpione. Quando Venere è nello Scorpione procuratevi la pelle di un topo e bruciatela. Raccogliete attentamente le ceneri e gli altri resti della combustione. Non sarà rimasto molto, ma se avete abbastanza topi è sufficiente. A patto che il fuoco sia avvenuto quando Venere è nello Scorpione, lo troverete un rimedio eccellente. In questo modo riuscirete a scacciare i topi dal vostro campo visto che verranno distrutte le corrispondenti forze negative nei confronti della capacità riproduttiva del topo di campo.Successivamente, prendete la cenere e spargetela su tutto il vostro campo.

Avete letto con attenzione? Non si tratta di fantascienza, si tratta di magia ed esoterismo. Davvero è questo il messaggio che vogliamo passare in TV in prima serata?

Ibrahim Abouleish

Tornando al servizio di Striscia la notizia è doveroso spendere due parole sul filantropo Ibrahim Abouleish e sulle sue aziende, passate al figlio che nel 2018 è stato anche eletto presidente di Demeter International. Facendo una rapida ricerca si nota come la SEKEM holding, fondata dallo stesso Ibrahim e comprendente le companies ISIS Organic, ATOS Pharma, NatureTex, Lotus and SEKEM for Land Reclamation, riferendosi al “SEKEM Vision and Mission 2057” ammetta che:

The document was developed internally by the SEKEM Future Council and does not claim to be fully scientific. Moreover, it is not a definitive version but under constant development .

Chimico vs Naturale

Sempre nel servizio di Striscia si dice che la biodinamica® non faccia utilizzo di fertilizzanti chimici, bensì naturali. Qualcuno è in grado di spiegarci cos’è naturale e cos’è artificiale, o meglio ancora qual è la differenza tra una sostanza chimica e una naturale? Vi svelo un segreto: anche l’humus è fatto di “chimica”.

Tale posizione è naturalmente sostenuta anche dall’ISIS Organic, che sul proprio sito ha dedicato una sezione a ribadire la contrarietà all’utilizzo di fertilizzanti chimici e agli OGM affermando che questi ultimi mettano a rischio la salute umana, giustificando il tutto con alcune frasi tratte da articoli scientifici non più recenti sull’argomento. Si tratta di pseudoscienza, a oggi non esistono prove che gli OGM che vengono coltivati nel mondo mettano a rischio la salute umana, e sfruttare il termine naturale opponendolo al termine chimico è un classico sistema per spacciare disinformazione scientifica.

A fine servizio poi si racconta di un convegno che sarebbe stato organizzato alla Bocconi di Milano sul tema agricoltura biodinamica®. È vero, nel 2015 e nel 2016 si sono tenuti ben due convegni del genere, ma dopo il secondo del 2016 il rettore Andrea Sironi ha preso le distanze, vietando, di fatto, il ripetersi dell’evento, che dall’anno successivo è stato fatto al Politecnico. Su Il Foglio nel 2016 appariva la presa di posizione di Sironi, con un articolo a firma Luciano Capone che titolava:

La Bocconi non cederà più a stregonerie su cibo e Ogm. Parla il rettore

Perché queste cose non sono state raccontate nel servizio di Striscia? Perché non si è spiegato che gli stessi risultati raggiunti in Egitto si sarebbero avuti, con spesa nettamente inferiore, usando procedimenti meno esoterici?

Perché nessuno ha raccontato che esiste una petizione firmata da 130 scienziati dell’Ateneo milanese per bloccare i convegni al Politecnico?

Noi di BUTAC riteniamo che questo non sia fare informazione: la biodinamica® è un marchio di proprietà di un’azienda ben specifica (la Demeter citata prima), questo andrebbe evidenziato… Chissà cosa ne pensa il Garante per la pubblicità.

Non crediamo sia necessario aggiungere altro, in attesa del prossimo servizio di Striscia sul tema.

Su questo argomento, sul nostro canale YouTube sono stati fatti ben due video:


Tommaso di Mambro e maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!