ugg

A me gli UGG non sono mai piaciuti, ma in questi giorni sta circolando moltissimo sui social italiani la pubblicità di un sito che li venderebbe a cifre decisamente più basse del sito ufficiale.

La pagina sembra seria, ci si potrebbe anche cascare a prima vista, sembra il sito di UGG,  l’indirizzo ricorda quello ufficiale, ma ci troviamo su un clone fatto in Cina, di cui non mi fiderei affatto. Per accorgersi del rischio truffa basta leggere le pagine che dovrebbero darci qualche informazione aggiuntiva: l’unica pagina completa è quella per la restituzione degli articoli, dove viene specificato che oltre a dover pagare la spedizione (in Cina) vi tocca anche rimetterci il 25% di quanto avete pagato, come “restocking fee” e questo dovrebbe subito farci accendere una lampadina. Ma come, compro un paio di scarpe se non mi vanno o non mi piacciono mi tocca anche pagare un 25% di tariffa in aggiunta alla spedizione. È ovviamente un sistema per dissuadere dalla richiesta di rimborso.

Ragazzi, se avete pessimo gusto in fatto di scarpe e decidete che vi piacciono gli UGG, non comperateli da siti di dubbia provenienza trovati per sbaglio online, il rischio minore è di pagare poco per un’imitazione malfatta che non potrete cambiare, il rischio maggiore è di rimetterci tutto e non vedere mai le scarpe.

Siate Utenti, non uTonti.

Avevamo già parlato di UGG su Butac in un’altra occasione.

maicolengel at butac punto it

Ricordatevi di votarci ai MIA Macchia Nera Awards!

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!