Gira la voce che il vaccino FluZone sia stato la causa di 23 morti negli over 65. La storia è messa in circolo da tanti siti di medicina naturale, anti vaccinisti, fan dell’omeopatia, vegani, salutisti et similia. Il tutto parte tutta da questa notizia:

16 Settembre 2013
Il foglietto illustrativo del vaccino antinfluenzale Fluzone, che viene venduto agli anziani, rivela che 23 anziani sono deceduti durante la sperimentazione del farmaco.

pubblicata qui:
http://laviadiuscita.net/23-anziani-deceduti-dopo-la-somministrazione-del-vaccino-per-linfluenza-venduto-questanno/

la notizia non è del tutto falsa, ma evita di raccontarci per davvero i fatti. Negli Stati Uniti vige la regola di pubblicare nel foglietto illustrativo tanti dati riguardo ad un farmaco e lo stesso si è fatto con il FluZone.

Le parole usate nella descrizione dei produttori sono queste:

No deaths were reported within 28 days post-vaccination. A total of 23 deaths were reported during the follow-up period of the study; 16/2573 (0.6%) among Fluzone High-Dose recipients and 7/1260 (0.6%) among Fluzone recipients. The majority of these participants had a medical history of cardiac, hepatic, neoplastic, renal, and/or respiratory diseases.

Non vi sono state morti nei 28 giorni post vaccinazione. Un totale di 23 casi di morte sono stati riferiti nel periodo seguente allo studio, 16 su 2573 sono morti tra quelli ad aver ricevuto il dosaggio alto e 7 su 1260 sono morti tra quelli ad aver ricevuto il dosaggio normale. Lo 0,6%! La maggior parte di questi OVER 65 aveva già problematiche cardiache, epatiche, neoplastiche, renali e/o respiratorie.
La fonte di questa frase è appunto il sito dove vengono riportati i dati dei vari foglietti illustrativi:http://www.drugs.com/pro/fluzone.html

Quindi possiamo tranquillamente dire che tutto ciò su cui si basa l’avvertimento italiano è da ritenersi falsato! Bufala al quadrato!

Non piglio posizione in merito al vaccino anti influenzale, sono in quella considerata fascia di mezzo, ne’ troppo giovane ne’ troppo vecchio, quindi poco a rischio. Dovessi pensarci mi rivolgerei al mio medico di base e chiederei suggerimenti basati sulla mia storia medica e non mi fiderei mai e poi mai di un sito internet!

Previous articleDisinformazione a Trento!
Next articleLa grande eurotruffa?
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.