REPORT-TRIPPA-ANIMALI

Ne stanno parlando in tanti di questo servizio andato in onda su Report l’altra sera (6 Dicembre 2015) su RAI Tre, intitolato appunto “Troppa Trippa”. Si parla di cibo per animali:

Centoventotto milioni di euro spesi solo per gli snack per cani e gatti. Può sembrare una cifra eccessiva ma non è nulla rispetto al miliardo e ottocento milioni di euro che spendono i 14 milioni di proprietari di animali da compagnia. Un settore che non soffre la crisi dei consumi e che è in costante crescita. Questo grazie a straordinarie operazioni di marketing, e a una normativa a maglie larghe che consente etichettature troppo generiche e l’utilizzo di materie prime che non rispondono agli stessi criteri di quelle certamente più sicure per l’alimentazione umana, i cui avanzi vengono buttati in pattumiera (per un valore di 8 miliardi di euro).

Il servizio, come spesso accade, ha fatto discutere non poco, e anche su BUTAC sono arrivate segnalazioni in merito. Anche perché sull’onda di Report sono saliti i soliti animalari, non gli animalisti, che a suon di boicotta questo, brucia quest’altro, non perdono occasione di fare sentire la loro voce.

Il servizio di Report mette in cattiva luce il cibo per animali confezionato. Tocca un settore sicuramente in crescita, con fatturati annui da capogiro per alcune di queste aziende. Ma è sensato l’attacco mosso verso produttori di cibo per animali e veterinari che prescrivono determinata alimentazione?

Io fino a qualche anno fa ero fiero proprietario di una cane, piccolo di taglia, a cui ho voluto un bene dell’anima. Fu il regalo di una persona cara e mi ha accompagnato per tantissimi anni. Fin da quando era piccolo gli abbiamo dato solo cibo fatto in casa – non la dieta nostra ovviamente, ma pasti preparati appositamente per lui, completi di tutto e bilanciati.

Poi un giorno ha smesso di fare pipì.

Il veterinario che l’ha visitato ha confermato che aveva un calcolo che ostruiva l’uscita. Operato una prima volta, abbiamo pensato fosse finita lì. Dopo poco più di un anno ci risiamo: un altro calcolo, sempre con un blocco. Povero Tequi, faceva una gran pena doverlo riportare in clinica, rivederlo operare. Per fortuna, con una dieta fatta ad hoc dopo il secondo intervento, basata su un unico prodotto umido e secco e pochissimi sgarri alla regola, ha fatto sì che il mio piccolo sia arrivato a festeggiare i 14 anni senza più un calcolo.

Tutto questo per farvi capire perché ho trovato l’argomento trattato con superficialità su Report.

In realtà non ho grande bisogno di scavare nel servizio di Report, ci ha già pensato uno dei protagonisti del servizio, Andrea Zatelli, medico veterinario, sulla pagina facebook Renalmanage:

Faccio seguito alla mia intervista durante la trasmissione Report.

Sono stato intervistato in una pausa caffè di un seminario a Milano; poco tempo, rubato alle tempistiche cui si è obbligati dall’evento cui partecipi, assolutamente limitato per poter anche solo pensare di affrontare una tematica cosi importante come quella della alimentazione nel paziente affetto da malattia renale (questa era la mia parte).

Se alla fine i tuoi 7-8 minuti di intervista vengono limitati a 7 secondi estrapolando due frasi dal contesto… ti rendi conto che la volontà non è quella di fare informazione riportando il parere di chi intervisti, ma di fare l’informazione che vuoi tu senza considerare il parere di chi hai intervistato. Strano modo, a mio parere, di fare il “giornalismo verità”. Detto questo, vorrei esprimere la mia opinione nel merito delle “diete preconfezionate” per nefropatici e riportare in sintesi quello che ho anche detto alla giornalista di Report durante l’intervista. Mi scuso per il dilungarmi. Perché prescrivere una “dieta per nefropatici preconfezionata”? La mia opinione è che esistano motivi professionali e scientifici per prescrive una dieta di questo tipo. I risultati di trial clinici ne hanno dimostrato l’efficacia non solo nel controllare iperazotemia, proteinuria, iperfosfatemia , acidosi metabolica, ma anche nel ridurre la progressione di malattia ed il rischio di crisi uremica e quindi nel prolungare il tempo di sopravvivenza dei pazienti. Questo è il punto chiave del perché consiglio un “trattamento”: sulla base delle conoscenze e delle pubblicazioni che ne hanno dimostrato l’efficacia nel migliorare la qualità e l’aspettativa di vita dei pazienti. Le “diete preconfezionate” per nefropatici possono fare male? Sinceramente non lo so, non conosco pubblicazioni (sarà mia ignoranza) che lo abbiamo dimostrato. Personalmente ho avuto l’opportunità di seguire nel tempo molti pazienti, cani e gatti, affetti da malattia renale ed alcuni sono arrivati a morte per una patologia oncologica, ma questo non lo ritengo utile per poter stabilire un nesso di causalità tra dieta e cancro. Al limite la prima banale considerazione che mi viene da fare è che, se una volta i gatti vivevano 14 anni di media ed oggi ne vivono 20, possa aumentare l’incidenza delle malattie oncologiche perché vivono più a lungo. (esattamente come succede negli esseri umani, più allunghiamo l’aspettativa di vita più aumenta l’incidenza delle malattie oncologiche nd maicolengel).

Pur non avendo io riscontri, ma non volendo in ogni caso ed a priori negare la possibilità che una dieta per nefropatici causi il cancro, ritengo invece poco etico ed assolutamente scorretto il non pubblicare questi dati. Chi ha definito un nesso di causalità tra un particolare tipo di dieta ed il cancro nella specie canina e felina ha a mio parere l’obbligo morale e professionale di comunicarlo alla comunità scientifica ed ai professionisti. Il problema sono i bias di pubblicazione? Questi esistono ed è noto a tutti, ma derivano più probabilmente dalle limitazioni che le aziende pongono nel pubblicare alcuni “risultati aziendali”; se un libero professionista od un universitario decidono di pubblicare i risultati di una loro ricerca indipendente possono assolutamente farlo e certamente non troveranno tutti i revisori “pagati dalle aziende”. Ho il ruolo di revisore per numerose riviste internazionali e posso garantirvi che valuterei con onestà intellettuale (e come me molti altri) i risultati di uno studio scientificamente corretto che sia in grado di dimostrare quanto scritto in precedenza. Si possono utilizzare diete per nefropatici formulate ad hoc e non preconfezionate? Si ed io ho sempre comunicato ai proprietari questa possibilità, facendo loro presente però che i dati di sopravvivenza e progressione malattia in questo caso non sono pubblicati e disponibili (per me questa è una mancanza). La maggior parte degli studi pubblicati arrivano anzi a dimostrare l’inadeguatezza delle diete casalinghe. La mia esperienza, certamente limitata, mi ha portato a pensare che il controllo di alcuni parametri, ad esempio della azotemia e dell’iperfosfatemia, non siano solitamente soddisfacenti con una dieta casalinga. Posso sbagliarmi ovviamente e mi farebbe molto piacere raccogliere una casistica, correttamente stratificata ed inclusa, con i Colleghi che da anni formulano diete per nefropatici e valutare i dati relativi ai tempi di sopravvivenza ed alla mortalità di questi pazienti. Sarebbe uno studio retrospettivo, ma certamente utile alla raccolta di dati iniziali che possano allontanare un poco del fumo che tende a velare l’argomento. Io sono disponibile e mi auguro che chi è convinto della utilità di un approccio con “dieta casalinga” rispetto a “dieta preconfezionata”, abbia lo stesso interesse; sarebbe il primo studio di questo tipo ad essere pubblicato e potremmo avere dati utili alla professione ed ai nostri pazienti.
Andrea Zatelli DMV

Purtroppo il Dott. Zatelli non fa altro che confermare quanto altri sostenevano:

la volontà non è quella di fare informazione riportando il parere di chi intervisti, ma di fare l’informazione che vuoi tu senza considerare il parere di chi hai intervistato

Ho trovato il commento di una lettrice su Facebook, che mi ha segnalato il servizio, decisamente sensato.

Troppo semplicistico, a tratti molto poco scientifico. Certo se un animale domestico è sano e il padrone ha tempo e capacità di alimentarlo in modo bilanciato è una buona cosa. Sarebbe stato interessante sapere quanti danni potrebbero creare in buona fede ai propri animali i proprietari se tutti usassero la dieta casalinga. È stato omesso anche quanto utili sono i mangimi specifici per le patologie in cui molto difficilmente si può supplire con dieta casalinga (vedi il caso del mio cane nd maicolengel). Molto grave far vedere un paio di proprietari che raccontano che i loro animali sono guariti addirittura smettendo i farmaci e il cibo industriale, senza mostrare dati scientifici. Miracoli? Non è stato insegnato infine a leggere bene le composizioni dei cibi e ce ne sono di industriali con percentuali di carne ben superiore e in cui si distingue se sono stati usati scarti e di che tipo. Nessuna menzione delle ceneri. Troppa confusione, al limite della disinformazione. I veterinari sembra quasi che consiglino i cibi senza cognizione di causa, cosa che non è vera.

Io non credo serva aggiungere altro: se il  tuo animale sta bene, cercare di dargli da mangiare seguendo una dieta casalinga studiata su misura per lui è buona cosa. Ma se sta male o se non sei in grado di attenerti agli alimenti corretti, rivolgiti ad un veterinario, e fatti suggerire da lui il modo migliore per aiutarlo. Occhio però: in un paese così pieno di uTonti, il rischio è che il cane “mangiatutto” arriverebbe a leccare la ciotola della torta al cioccolato, e ingoiare qualsiasi cosa cada da tavola.

maicolengel at butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!