BOVINAAIDS

Sono in viaggio di ritorno dalle vacanze (finite, sigh), ma mangiando un panino all’autogrill ho notato che in tantissimi mi state segnalando questa notizia.

Carne bovina infettata da AIDS, sequestri in tutta Italia. È allarme!

La testata che spaccia la news si chiama Lo Specchio, ed entro sera verrà inserita in Black List. Non è una testata di alcun tipo, ma una pagina altervista nata allo scopo d’attirare i click degli utonti, ognuno di voi che condivide la cosa sta solo creando panico ingiustificato e regalando visualizzazioni a questa gentaglia. Ci volevano 30 secondi per avere dei dubbi sulla serietà della pagina, basta guardare le altre notizie per capire che si tratta di bufalari stile Corriere del Mattino (con la differenza che questi non dicono da alcuna parte di essere testata satirica).

Guardate per curiosità le altre notizie in primo piano:

bufaleidiote2 bufaleidiote

Nell’articolo sui bovini infettati con l’AIDS si parla di allarme lanciato dal Ministro Lorenzin, ci vogliono 30 secondi per verificare che da nessuna parte la Lorenzin parla della cosa, eppure migliaia di persone stanno condividendo sta cosa. l’OCSE ha ragione, siamo un paese di analfabeti funzionali, meritiamo tutto il peggio possibile, anche Lo Specchio. Non avere la più pallida idea di come funzioni il virus dell’HIV nel 2015 dimostra davvero che in Italia c’è un grave problema d’ignoranza, amplificato dall’uso sconsiderato dei social network. L’HIV si trasmette da essere umano ad essere umano, che io sappia non vive al di fuori del corpo ospitante per più di 2 minuti, anche esistesse un bovino infettato e noi ne mangiassimo la carne non rischieremmo nulla. Le testate collegate allo specchio, telegrafo e 24Ore sono altrettanto bufalare, mi lascia un pelo sconcertato vedere che tra i like alle stesse ci sia un collega demistificatore, spero seriamente il suo like sia solo per monitorare la fuffa, e non perché davvero gli piacciono queste pagine.

Vi prego, almeno provateci, siate Utenti, non uTonti!

maicolengel at butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!