Una lettrice mi ha segnalato una foto che sta circolando su bacheche di suoi contatti. Non mi è stato girato alcun link (se ne avete – o anche screenshot – inviateceli, per favore!), solo la foto che potete vedere qui sotto:

Foto che è chiaramente ritagliata da un’immagine più grande. Nella foto, per chi avesse problemi a visualizzarla correttamente, si vede una bambina, vestita decisamente poco, con indosso quelle che sembrano delle autoreggenti e delle scarpe con tacco molto alto. La faccia della bimba è sorridente, alle sue spalle c’è un uomo, anche lui poco vestito, ma la testa e le spalle dello stesso sono state tagliate, quindi è impossibile identificare chi sia.

La foto circola al momento sui social italiani (a quanto mi viene riportato) sostenendo che quella inquadrata sia Hillary Clinton e che questa foto sia la prova del suo far parte sin da piccola di un giro legato alla pedofilia. La prima cosa che ho fatto è cercare la foto sui vari motori di ricerca presenti in rete, senza alcun successo. Purtroppo quando un’immagine è tagliata non è facile ritrovare l’originale. Usando i motori di ricerca per immagini non trovavo nulla, ma poi ho cercato solo la faccia della bambina, e ho trovato la sua foto originale, che ovviamente non è quella.

Qualche simpatico bufalaro ha ben pensato di usare Photoshop per ritagliare la foto di una giovane Hillary Clinton e incollarla sull’altra foto. Il tutto per sostenere la teoria che vorrebbe la Clinton implicata in un giro di pedofili internazionali.

Lo capite che c’è davvero qualcosa di sbagliato in quest’uso sconsiderato dei social network? In questa maniera assurda con cui condividete qualunque cosa, basta che confermi qualche vostro pregiudizio? Senza nemmeno pensare che se davvero quella fosse Hillary Clinton (o una qualsiasi altra bambina) questo significherebbe che la bambina è la vittima? Io sono sempre più basito nel rendermi conto di quanto alcuni soggetti non si rendano conto dei danni che fanno condividendo senza prima aver verificato. Ma purtroppo sono solo un minuscolo blogger, che evita di atteggiarsi a oracolo infallibile come fanno certi siti di disinformazione, e purtroppo anche alcuni colleghi. Dovete cercare di affinare tutti il vostro spirito critico, altrimenti le cose andranno sempre peggio.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!