Sta circolando una nuova news tipica dei siti di tipo disinformativo complottista: l’appello che sta circolando riguarda  il “famigerato” triangolino nero che a breve comparirà su 105 farmaci  venduti nelle nostre farmacie.
Perché l’appello è allarmismo inutile? Perché comparirà questo triangolino nero?
Le risposte ce le da la stessa EMA (l’ente europeo che si occupa del controllo dei farmaci venduti sui mercati comunitari) con un comunicato in inglese sul suo sito: EMA
Per  riassumerlo: Le medicine messe sotto controllo hanno passato TUTTI i test che gli altri farmaci che normalmente utilizzate passano; sono medicine sicure, ovviamente essendo prodotti nuovi e mai immessi sul mercato non hanno sufficienti dati per evidenziare eventuali controindicazioni. Viene quindi evidenziato sia per chi prescrive suddetti farmaci, sia per chi li assume di segnalare subito qualsivoglia reazione imprevista, onde migliorare lo studio di questi nuovi farmaci. E’ normale che l’immissione di un prodotto nuovo sul mercato possa avere qualche inconveniente non previsto: nei test fatti in laboratorio non è possibile riprodurre i miliardi di complicazioni date da molteplici combinazione di fattori; hai un raffreddore e mal di denti e in contemporanea assumi uno dei farmaci indicati che però fa reazione con altri  e ti ritrovi sul water per una settimana. Oppure sei sovrappeso e il farmaco non reagisce come ci si aspetta per un sottodosaggio… tutte cose che si imparano sul campo più che in sterili laboratori di ricerca. Da comune cittadino (non medico non scienziato) credo che questa novità possa spingere un maggior numero di persone a dare feedback (positivo e negativo) rispetto ad un tempo riguardo gli effetti secondari di un farmaco. Questo non può che bene alla ricerca…se sbaglio fatemelo sapere nei commenti!
Ampliamento 27.08.2015:  Tutti i farmaci sono sottoposti a un controllo definito di Fase IV o farmacovigilanza. Si tratta di un controllo continuo nel tempo, con lo scopo di raccogliere tutti i casi di effetti collaterali collegati con l’utilizzo di un determinato farmaco. In questo caso nel 2011 sono state ampliate e rivedute le norme europee per la farmacovigilanza aumentando il numero di controlli su determinati farmaci di nuova commercializzazione.
maicolengel at butac punto it