Con questa storia dei cinesi che rapiscono/mangiano i cani stiamo veramente superando ogni limite possibile.
Stavolta articolo ed immagine che circolano sono un mix di disinfomazione fatto apposta per dare fastidio proprio a tutti, dai razzisti latenti agli animalisti poco convinti.

Narra la leggenda che ci sia vicino a Napoli una zona abitata da tanti immigrati cinesi dove da anni continuano a sparire i cani. La foto che accompagna l’articolo è tragica (e reale) si vede l’interno di un furgone pieno di carcasse di animali ammucchiati gli uni sugli altri.

Peccato che la foto venga si dalla zona di Nola e Marigliano, ma si tratti di una news dell’anno scorso, definita sulle pagine dei giornali del momento; in un lago della zona erano state rinvenute svariate carcasse di animali a cui erano stati asportati i microchip, furono indagati in due (non identificati come nazionalità) sembra che la motivazione fosse il commercio e il traffico di microchip rubati per legalizzare altri cani, di razze pregiate, immessi illegalmente sul mercato. Ma la faccenda si è conclusa. Colpevoli arrestati. Non capisco perché bisogna a distanza di più di un anno riparlarne inventando informazioni a caso giusto per alimentare eventuali fuochi razziali.

Qui lo spaccio di bufala:
http://www.liberazioneitaliana.it/news/nola-marigliano-san-giuseppe-vesuviano-e-i-cani-continuano-a-sparire-e-a-morire-/

Qui la notizia di un anno fa sui siti di Nola:
http://stella-animali.blogspot.it/2012_02_01_archive.html

http://www.epressonline.net/notizie/ultime-notizie-napoli/1249-cimitero-di-animali-a-marigliano-si-segue-la-pista-di-ditte-e-canili-inadempienti.html

Maicolengel at butac punto it