Cosa vi dicevo ieri a pranzo? Siamo un Paese che ama le superstizioni, siamo un Paese dove basta poco per credere al miracolo. E difatti è bastato un piccolo difetto a una statua perché tanti gridassero al miracolo.

Il Rosario della Madonna di Pompei oscilla dall’alto del Santuario: «Un miracolo»

Siamo di fronte a una sbufalata flash, che necessita davvero di poche righe per spiegare i fatti. Vediamo di capirci: circola un video dove si vede il rosario in mano alla Madonna di Pompei oscillare molitissimo, cosa che fino a pochi giorni fa non era mai successa. Si tratta di un miracolo? No, tutt’altro, siamo solo di fronte al movimento causato da un deperimento dei lacci che tenevano lo stesso legato alla statua.

Ed è lo stesso parroco di Pompei a spiegare i fatti:

Mi ero ripromesso di non intervenire perché pensavo non fosse necessario, ma da ieri sera sto ricevendo messaggi e telefonate da tutta Italia su questa cosa del miracolo della corona della Madonna di Pompei. Ognuno è libero di credere ed interpretare come vuole, ma i fatti dicono che semplicemente si è sganciato il tirante che fissa la corona alla base della statua. Per questo motivo il vento ha fatto oscillare la corona per un po’ fino a quando, grazie ai Vigili del Fuoco, è stato ripristinato l’aggancio. Tutto qui. Il vero miracolo accade quando il vento dello Spirito fa oscillare il cuore verso la conversione. Quando cambiamo vita, allora sì che la Madonna è contenta!

Nulla di miracoloso, tutto risolto, ma come riportano svariati quotidiani della zona ormai la frittata è fatta:

…non sono mancati nemmeno i profani che sono corsi verso la più vicina ricevitoria per giocare i numeri al Lotto. Ad essere maggiormente quotato è stato l’ambo secco: 72 (il Rosario Benedetto) e 60 (la Madonna).

Saranno contente le ricevitorie.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!

Previous articleLa profezia su Pozzuoli
Next articleScie chimiche o ragni?
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.