Un momento d’informazione “seria” in due mi avete già segnalato la storia del satellite che sta tornando sulla terra senza controllo! Gli articoli che mi avete linkato sono nei toni più allarmistici (anche se in entrambi i casi si spiega che la possibilità di venire colpiti sono meno che di vincere alla lotteria)…si parla di pezzi che precipiteranno più grandi di un motore d’auto…di rientro improvviso e altre cosine così.

In realtà GOCE il satellite dell’ESA di cui stiamo parlando si sa che sarebbe rientrato così fin da settembre, si segue con attenzione senza alcun tipo di ansia fin dal 21 ottobre, data in cui il carburante è terminato, la sua orbita lo sta portando a terra in fretta…ma non così in fretta! Le predizioni parlano di un rientro previsto tra domenica e lunedì notte. Sul sito dell’ESA si trovano i dati più aggiornati in tempo reale. Mentre sul sito della BBC si trovano tante informazioni su questo rientro, dove si spiega CHIARAMENTE che rientri come questo sono NORMALI, che ne abbiamo avuto un ben più grosso nel 2011, e un altro sempre più grosso l’anno scorso!

http://www.bbc.co.uk/news/science-environment-24043526

Non c’è da fare NESSUN allarmismo, gli avvisi che dicono di preferire i luoghi chiusi sono quanto di più allarmistico possibile, il rischio non è zero ma  è sicuramente più probabile che un auto v’investa mentre attraversate le strisce pedonali, quindi uscite pure e fate quel che vi pare in questo weekend autunnale, non limitate la vostra vita perché degli pseudo giornalisti non sanno fare altro che gonfiare le notizie.

http://www.esa.int/Our_Activities/Observing_the_Earth/GOCE/GOCE_completes_its_mission

Oltretutto le predizioni dicono che nella caduta il satellite perderà il 75% della sua massa, bruciando, e che a terra probabilmente arriverà un peso complessivo di 250 kg, ma frammezzati in tanti piccoli pezzi.

Insomma non stiamo parlando di una bufala, ma di allarmismo sensazionalistico della peggior specie, riguardatevi e buon weekend!

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

Previous articleI ragni nelle banane?
Next articleLuke Thomas, il “profeta” dei terremoti
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.