VACCINOANTIMALARIA1
Quest’articolo è stato scritto a dicembre 2013, per demistificare le parole usate dal signor Lannes contro il vaccino anti malaria che giusto in questi giorni ha ricevuto il via libera dell’Agenzia Europea del farmaco. Tanti di voi a suo tempo mi segnalarono l’articolo di Lannes, è passato un anno e mezzo, leggete ancora un blog come Su La Testa? Queste alcune delle testate che in questi giorni hanno parlato del vaccino anti malaria.malaria3
  • La Stampa “…il via libera dell’Agenzia europea dei farmaci (Ema) al primo vaccino contro la malaria è una grande notizia, «un sogno che si avvera”
  • Corriere della sera “…E’ efficace contro il parassita che causa la malattia, ma anche contro l’epatite B e d è sicuro Alla base del vaccino ci sono 30 anni di ricerca, illustrati nelle circa 230 mila pagine di dati sottoposte all’Ema.”
  • Reuters “…Malaria is one of the biggest killers of children in the world, claiming the life of one child every minute. It infects around 200 million people a year and killed an estimated 584,000 people in 2013, the vast majority of them babies in sub-Saharan Africa.”
Il vaccino ha passato i test dell’EMA, ora si tratta di ricevere l’approvazione dell’Organizzazione Mondiale della sanità, e le autorizzazioni dei governanti. Sia chiaro, non è un vaccino che sconfiggerà la malaria:
I dati di questo programma di studi dimostrano che oltre 18 mesi dopo la somministrazione di tre dosi del vaccino RTS,S, i casi di malaria si sono ridotti a circa la metà nei bambini dai 5 ai 17 mesi, al tempo della prima vaccinazione, e del 27% nei neonati dalle 6 alle 12 settimane. Alla conclusione dello studio, quattro dosi di vaccino RTS,S hanno dimostrato di ridurre i casi di malaria del 39% dopo quattro anni di monitoraggio nei bambini, e del 27% dopo tre anni di monitoraggio nei neonati.

Expectations that Mosquirix could be a final answer to wiping out malaria were dampened when trial data released in 2011 and 2012 showed it reduced episodes of malaria in babies aged 6-12 weeks by only 27 percent, and by around 46 percent in children aged 5-17 months.

 

The EMA recommendation is that the shot should nevertheless be used in babies in the full age range covered in the trials, from six weeks to 17 months.

antimalaria5ma è un primo passo, e può davvero salvare migliaia di bambini. Gli studi non hanno evidenziato controindicazioni, e il costo per le 4 dosi necessarie è previsto in 20 dollari. Denigrarlo come faceva Lannes due anni fa è criminale. Vi lascio a quanto cercavo di raccontarvi nel dicembre 2013.
Stavolta a “parlarci” di vaccini non è il solito blog di medio basso livello ma “Su la testa”, blog di Gianni Lannes, che lancia un’allarme pesante:

VACCINI DELL’ORRORE: GENOCIDIO ANNUNCIATO E PILOTATO

…è un’articolo strano questo, per l’80%  non sono parole di Lannes, ma lui riporta pari pari una pagina del sito ufficiale della Glaxo, ma prima si diverte a giocare, con indizi che dovrebbero portarci a scoprire chi si cela dietro questo complotto annunciato…

Ma perfino tra gli indizi cela bufale…subito, dal primissimo, parla di una “Legge Mandela”, legge che secondo Lannes sarebbe stata emanata dal premier sudafricano e avrebbe permesso ai malati di AIDS di accedere a farmaci con lo stesso principio attivo di quelli prodotti dall’azienda in questione ma a costi decisamente inferiori…peccato che fino al suo pensionamento nel 1999 Mandela si sia occupato pochissimo di AIDS, e sia stato anche duramente criticato per questo, le cose sono si cambiate ma solo nel 2005, spingendo il governo di Mbeki ad approvare riforme in merito, riforme che sono state accolte e che hanno permesso cure più accessibili a tutti, ma Mandela non era più alla guida del SudAfrica.
Poi ci racconta dell’ICGB che dovrebbe esser intento a condurre:

ricerche in Messico per appropriarsi del sapere delle popolazioni indigene e delle loro erbe medicinali in modo da mettere le imprese americane in condizione di produrre nuovi farmaci, che naturalmente saranno brevettati. 

Ma sul sito dell’ICGB non si fa menzione del Messico tra i paesi in cui stanno compiendo ricerche al momento…

Qui è quando Lannes, impigrito, lascia spazio alle parole di Glaxo, riportando per l’80% il contenuto di questa pagina della Glaxo che si riferisce al vaccino antimalaria RTS.S…

Ma magicamente sulla pagina di Lannes scompaiono i dati che riguardano casi trattati e statistiche in merito (sia mai di far vedere che il vaccino in buona parte funziona)…tre interi paragrafi di dati svaniscono nel nulla, lui non ne fa menzione, ci tiene solo a riportare la citazione finale dell’articolo del ceo della Glaxo.
Per concludere con un bell’attacco frontale:

Tutto è legato inesorabilmente. Uno dei sistemi in voga per decimare l’umanità è l’uso indiscriminato dei vaccini. Attenzione ai filantropi. Un affare sulla pelle dei popoli in sintonia con i piani di Bill Gates – tra i principali soci della Monsanto – è oggi in grado di rendere il suo desiderio di spopolamento mondiale una sconcertante realtà. E’ noto come lo stesso miliardario abbia investito 750 milioni di dollari (attraverso la “Fondazione Bill & Melinda Gates”) nella GAVI (l’Alleanza internazionale per i vaccini e l’immunizzazione), ente che ha lanciato una strana iniziativa per vaccinare milioni di persone in tutto il mondo con il Gardasil (del Gardasil qui su Butac ne abbiamo parlato svariate volte, qui , qui e qui NDR). La società GAVI sta finanziando un progetto a livello mondiale, grazie al contributo dell’Oms!  

Per cui Glaxo e Fondazione Gates sarebbero insieme alla Monsanto alla GAVI  e all’OMS insieme in un complotto di proporzioni bibliche per ridurre il numero di esseri viventi.

Siamo messi davvero bene…

Ricordo a tutti voi che mi leggete che Bufale Un Tanto al Chilo è con la Scienza e con la Medicina, quelle riconosciute e studiate nel mondo, quelle verificate e verificabili, quelle che portano dati e non vane parole, per questo il 21 Dicembre, quando gli sciachimisti scenderanno in strada (ma lo faranno davvero?) a protestare contro le scie chimiche noi invece v’invitiamo a pubblicare link, link sui social, link sui blog, link che portino a siti di debunkeraggio, che siano il nostro o altri poco importa, l’importante è fare passare un po’ il messaggio, BASTA con le cazzate, BASTA con i complotti, BASTA! La scienza è una sola, il metodo scientifico è uno solo, tutto il resto è FUFFA!

maicolengel at butac.it

Previous articleThailandia, la polizia (non) si ribella
Next articleVaccini e autismo…
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.