…ma continuare a condividerlo chiedendo che l’uomo venga identificato è abbastanza sciocco, visto che il signore è già stato identificato e arrestato.

Come spiegava il sito Alaraby in lingua inglese già il 22 settembre 2019:

Saudi authorities have arrested a man seen in a viral video that showed him beating his baby daughter because she was not yet able to stand. The man, identified as Yousif Alqutai – a Palestinian resident of Saudi Arabia – was filmed beating his daughter in an attempt to force the baby to stand up despite her tender age.

Che tradotto:

Le autorità saudite hanno arrestato un uomo visto in un video virale che lo mostrava mentre picchiava la sua bambina perché non era ancora in grado di resistere. L’uomo, identificato come Yousif Alqutai – un residente palestinese dell’Arabia Saudita – è stato filmato mentre picchiava sua figlia nel tentativo di costringere la bambina a rialzarsi nonostante la sua tenera età.

L’uomo quindi è già stato arrestato, continuare a condividere il video non serve a nulla. A meno che non cerchiate facile viralità coi vostri amici che ancora non l’hanno visto, ma ha senso?

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!