STUPROFORTEZZA

Questo è un altro di quegli articoli che non vorrei dover scrivere e di cui non ci sarebbe bisogno, se i giornalisti  italiani avessero fatto decentemente il proprio mestiere.

 Cosa ci raccontavano le testate nazionali, quelle che sono l’unico mezzo d’informazione per tanti italiani?

Il Giornale:

Ragazza stuprata a una festa, il branco assolto in appello: “Fu un momento di debolezza”

Il Fatto Quotidiano:

Assolti dallo stupro di gruppo: nessun senso, solo responsabilità

Today:

Assolti per stupro di gruppo, Firenze scende in piazza per la “ragazza di Fortezza

Quasi nessuno sembra interessarsi alla sentenza vera e propria; tutti mirano allo sdegno del popolo; nessuno si domanda come mai siano stati assolti. Quasi come se non fosse materia per i giornali – loro ormai fan solo gossip.

Anno 2008. In una macchina parcheggiata nei pressi della Fortezza da Basso, a Firenze, sette ragazzi – secondo la denuncia – stuprano una ragazza di 22 anni. Sei degli accusati vengono condannati nel 2013, la motivazione è “violenza sessuale di gruppo” aggravata dal fatto che la ragazza era ubriaca (in realtà questo era come titolavano i giornali, e come fino ad oggi han sostenuto, ma l’aggravante dell’esser ubriaca in realtà non era stata accettata neppure in primo grado).
A marzo di quest’anno, dopo il processo d’appello, la sentenza è stata ribaltata completamente e i ragazzi sono stati assolti. Il 18 luglio scadeva il termine per il ricorso contro la sentenza d’appello, che la procura non ha presentato. La sentenza di marzo è l’unica valida e i ragazzi sono liberi.

Da qui alle rivolte sul web il passo è breve: commenti indignati, post di minacce contro i sette ragazzi imputati o contro gli stessi magistrati. L’indignazione 2.0 al meglio. Anche io, leggendo solo i titoloni dei giornali, mi ero indignato come tutti; dopo un attimo di calma, ho pensato che fosse giusto capire le motivazioni dietro l’assoluzione e ho atteso la pubblicazione della sentenza. Non è mia intenzione prendere posizione sulla vicenda, sto cercando solo di fare quanto reputo corretta informazione, attenendomi a quanto riporta la sentenza emessa. Prima di commentare indignati anche qui abbiate la decenza di leggere tutto fino in fondo.

Cosa è successo? Perché sono stati assolti?

Nel processo d’appello sono stati presi in esame TUTTI gli atti e si sono evidenziate molteplici incongruenze tra i racconti della ragazza e dei testimoni. Sono state le incongruenze ad aver reso la testimonianza della denunciante non affidabile, perché tante delle affermazioni da lei fatte non hanno trovato riscontro negli esami fatti nei giorni successivi.

Non voglio prendermi un merito non mio, le prossime immagini vengono da un sito che ha fatto una lunga  disamina la sentenza, sentenza che anche io mi sono letto nella sua interezza, e che trovate qui.

Fig.1
Fig.1

Come si può leggere nella Fig.1 :

Inoltre per il Collegio la certificazione del centro antiviolenza di Careggi non denotava una intensità di lesioni e violenze così come descritte dalla parte lesa…

…il tampone nelle 12 ore sucessive dava risultati negativi sulle tracce di liquido seminale.

Infine il disturbo post traumatico da stress diagnosticato e la prostrazione per il Collegio potevano derivare sia  da pratiche di gruppo non consenzienti che consenzienti sopratutto se da parte di persona alla prima esperienza del genere.

…la persona offesa non appariva attendibile quando assumeva di essere ritornata da sola alla bicicletta e di non esservi stata riportata con l’auto. Trattasi invero di alcuni chilometri che non avrebbe potuto percorrere a piedi in quello stato di prostrazione ed agitazione, mentre verosimilmente erano stati gli stessi imputati a riaccompagnarla alla bici, cosa che evidentemente a lei non faceva comodo ammettere, dovendo plausibilmente spiegare come mai avesse accettato il passaggio in auto dopo lo stupro.

Figura 2: un’altra lunga lista. 29 affermazioni della parte offesa che il Collegio ha confermato essere false, o incongruenti con le altre prove e testimonianze. Non le riporto tutte, ma potete leggere nell’immagine.

Fig.2
Fig.2

Si parla anche del livello d’alcool assunto durante la serata. Secondo le testimonianze confermate dalla ragazza, sarebbero stati assunti 7 shottini:

…la consulenza tossicologica espletata conduceva alla conclusione che anche 7 shottini assunti non darebbero nel sangue una concentrazione di alcol superiore a gr 1,07 percentuale che anzi all’uscita dalla Fortezza doveva essere già diminuita a gr.0,8 non rientrando in alcuna fascia di ubriachezza o di alterazione da alcol.

Quindi una testimonianza che smentisce il suo esser stata ubriaca. Anche i periti affermano che non poteva esserlo. E alle stesse identiche conclusioni si era giunti in primo grado.

Si parla anche di sperma. Le prove della scientifica sull’auto non lavata non hanno rilevato alcuna traccia di sperma all’interno. Sui vestiti della ragazza se ne sono rilevate 4 tipi, ma solo uno è di uno degli imputati: il ragazzo con cui qualche ora prima aveva avuto un rapporto orale consenziente nei bagni di Fortezza da Basso.

Le analisi cliniche non ne hanno trovate altre tracce. Le uniche sono sulla T-shirt, e tre non appartengono agli imputati.

La ragazza ha raccontato fatti non veritieri, lo si è potuto provare; nessuno nega che i 6 ragazzi si siano allontanati con lei e che abbiano provato a fare sesso tutti insieme. Per i giudici (e anche per noi cittadini) questo è importante: decidere della sorte di sei persone non è cosa da prendersi alla leggera. I sei soggetti hanno stuprato con violenza questa ventiduenne? Devono andare in galera e pagare per quello che hanno fatto, ma se invece i fatti fossero andati diversamente? Le parole della ragazza hanno sicuramente un peso importante nel racconto dei fatti, ma quando tante di quelle parole sono dimostrate incongruenti se non false, sono da prendere per buone comunque?

I giudici hanno creduto di no e così hanno emesso la loro sentenza.

Io onestamente non mi sento d’impugnarla gridando vendetta. Me la sono letta tutta, il racconto è decisamente lungo; in alcune parti l’appellante è onestamente un po’ troppo supponente e fastidioso, e il tutto è in legalese italiota. Andrebbe letta anche solo per capire come funziona la giustizia in casi difficili come questo.

Molti, anche tra amici e persone care, erano indignati:

è una sentenza da medioevo, si basa sulle precedenti esperienze della ragazza, il fatto che fosse molto disinibita li ha portati all’assoluzione, è uno scandalo!!!

Su cosa si basa la sentenza, allora?

La ragazza aveva avuto un rapporto orale consenziente con uno degli imputati durante la serata; non era ubriaca; appena fuori dalla Fortezza, lei era stata salutata da un’amica mentre veniva palpeggiata dai sei, e non aveva cercato aiuto, anzi al saluto aveva risposto ridendo con un’affermazione sulla sua sessualità.

La ragazza è stata riaccompagnata alla sua bicicletta dai ragazzi senza alcuna resistenza: i medici non hanno riscontrato lesioni che supportino i suoi racconti. A questo punto, per cosa erano stati giudicati i sette imputati? Il Tribunale in Primo Grado aveva scartato le due ipotesi più delittuose, assolvendo del tutto uno dei sette ragazzi, e lasciando gli altri sei accusati di aver “abusato delle condizioni di inferiorità fisica o psichica della persona offesa”. I giudici reputano, alla luce dei fatti, che la ragazza non fosse realmente in condizioni di inferiorità fisica (non era ubriaca, poteva dissentire fin da subito, non ha lesioni che dimostrino alcun tentativo di resistenza) o psichica (non era sotto l’effetto di alcol o droghe che potessero averle fatto perdere il controllo in qualche maniera).

Concludendo

Come avevo detto in apertura questo è un articolo che non avrei voluto dover scrivere, ma ho due figli, piccoli per ora: un bimbo ed una bimba.
Sapere come funziona la Giustizia, quali siano i passi che portano a una sentenza in un caso così grave è importante per me. Domani i miei figli saranno in quel mondo di cui vediamo sprazzi online, ma che magari per questioni di età non frequentiamo più; quel mondo che ci sembra sempre così pericoloso per loro piccoli esploratori alla scoperta, e i giornali non fanno nulla per tranquillizzarci, per farci capire, per approfondire.

Leggere la sentenza e capirla andava fatto.

A voi qualsiasi ulteriore considerazione.

maicolengel at butac.it