Me l’avete fatta notare in tanti, e anche io l’avevo vista su più di un blog, ma fino ad oggi la befana mi ha tenuto impegnatissimo! Poi per fortuna è arrivato l’aiuto di Manola Pisani (follower su facebook) che mi ha segnalato la smentita di Marco Sisi, giornalista RAI:

Allora, non è mia abitudine mettermi a far circolare notizie dove si invita a condividere per far arrestare gli autori di violenze su animali, infatti se pubblico questa è perché la foto (mi scuso se urterò la sensibilità di qualcuno, in caso evitate di cliccare così vi risparmiate di rivederla in dimensioni maggiori, tanto i dettagli che contano sono qui nel testo) è stata fatta girare con indicazioni sbagliate nei confronti di questi quattro deficienti. La notizia risale a circa un anno fa, si tratta di un gruppo di idioti di origine tunisina e residenti in Svezia. Sono stati già identificati, rispondono ai nomi di Hamza Tchaki, Youssef Ben Ali, Kuorbam Uomama e Firas Mani, e denunciati. Su Internet sono comparse condivisioni totalmente fantasiose, con nomi inventati relativi a persone di Cento di Ferrara e di Napoli, per quello che ho potuto vedere io oggi. Nessuna attenuante per chi si rende responsabile di crudeltà simili, ma evitiamo per favore di diffondere notizie ormai vecchie e corredate di indicazioni fasulle o diffamatorie, che potrebbero creare problemi a qualcuno che non c’entra per niente.

FONTE: https://www.facebook.com/marco.sisi/posts/10152090213625306

La notizia non è falsa, è vero che questi personaggi han tagliato la testa al gatto, ma l’han fatto un anno fa, sono stati identificati e segnalati all’autorità competente, far girare la storia oggi cambiandone dati, luoghi e protagonisti non è solo da bufalari, ma proprio da “strunz” (lic.poet.)! Anche perché per verificare che di notizia vecchia e diversa si tratta bastavano meno di 20 secondi, anzi meno di 10…forse ha davvero ragione Niebbo su Bagni Proeliator, con la sua lettera aperta a Cinzia

E qui trovate un po’ di link:
http://forcechange.com/58972/charge-cat-torturers-with-animal-cruelty/

http://midnightwatcher.wordpress.com/2013/02/15/practise-makes-perfect-group-of-muslim-men-in-sweden-behead-cat-display-pho/

http://islamversuseurope.blogspot.it/2013/02/tunisians-decapitate-cat-in-sweden-and.html

ATTENZIONE:
Qui vi è tutta la serie delle immagini in merito, la sequenza può risultare davvero fastidiosa, e i link nella pagtina sono ancora peggio:
http://www.barenakedislam.com/2013/06/17/sweden-four-tunisian-muslim-savages-behead-and-skin-a-cat-and-brag-about-it-on-facebook-and-twitter/

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

Previous articlePensionati vs Immigrati
Next articleLa bufala di Berlusconi che dona assegni
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.