Una lettrice mi segnala una foto chiedendomi se è una bufala. La foto viene da un video in portoghese, pubblicato su diversi canali YouTube, l’originale è di qualche anno fa.

Ammetto che era dai tempi dell’albero degli spaghetti della BBC che non vedevo una sciocchezza così grande condivisa così tante volte. Ma perlomeno quello della BBC era un pesce d’aprile, spiegato poco dopo la pubblicazione. Qui invece siamo di fronte a un numero folle di canali che diffondono una bufala evitando accuratamente di spiegarla. E la gente, purtroppo, ci casca.

Nari-lata

Nei video che circolano si narra che la pianta Narilatha (Narilata in altre versioni) cresca in India, sulle colline vicino all’Himalaya, e che fiorisca solo una volta ogni vent’anni. Peccato che questa pianta non esista, se non nei video che da qualche anno trovano spazio in rete, pronti per attrarre utenti facilmente suggestionabili.

Esiste un’antica leggenda legata alla nari-lata, che si può tradurre come “vite femminile”: si tratterebbe di una pianta che ha le sembianze di una donna talmente bella da non permettere ai monaci che dovrebbero meditare di mantenere la loro concentrazione. Ma è una leggenda, folklore, non fatti. I video che circolano mostrano oggetti fatti dall’uomo, non magici frutti di una pianta inesistente.

Esattamente come oltre cinquant’anni fa la BBC ci abbindolava con l’albero degli spaghetti. Da allora dovremmo esserci fatti più furbi, e invece…

Spero non sia necessario aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!