69 figli

Ci sono pagine Facebook che vantano moltissimi follower, alcune sono davvero interessanti per i contenuti che condividono, purtroppo non sempre hanno la pazienza di verificare tutto quello che compare sulle loro bacheche.

È il caso della pagina FB “Le fotografie che sono passate alla storia”, che qualche giorno fa condivideva quest’immagine:

Qualche migliaio di like per una foto che a prima vista dice poco, questa la descrizione che l’accompagna:

Il record di bambini nati da una sola donna appartiene a Valentina Vassilyeva, una contadina russa che tra il 1707 e il 1765 ebbe 69 figli, frutto di 16 parti gemellari, 7 trigemini e 4 quadrigenimi, per un totale di 27 travagli.

Il racconto ha dell’incredibile, una donna avrebbe avuto 69 figli, 27 travagli… all’inizio del 1700. Come potete ben immaginare la fotografia non può ritrarre la signora di cui si parla, visto che nel 1700 la fotografia non esisteva ancora. Tutti penseranno, vabbè, questi saranno figli e nipoti, magari ritratti più tardi. Ma nemmeno questo è vero, perché basta una veloce ricerca in rete per accorgersi che questa foto ci mostra la famiglia di John Fielding Smith, decimo presidente della Chiesa di Gesù Cristo degli ultimi giorni, la chiesa mormone per capirci. Chiesa che all’epoca permetteva la poligamia.

Che una pagina che condivide fotografie che hanno fatto la storia non sia stata attenta alla verifica dei fatti dispiace, perché usando il semplicissimo Google ricerca per immagini ci voleva davvero poco per rendersi conto dell’errore.

Ma la storia della donna che avrebbe avuto 69 figli è poi vera? Nessuno può dirlo, il racconto di questi 27 travagli è tramandato senza prova alcuna da ormai 300 anni. Molti degli scienziati che ne hanno parlato l’hanno definita una leggenda urbana, alcuni sostenendo che sia impossibile, nessuna donna però si è offerta come cavia per fare la prova del nove. Cercando sulla Wiki russa il nome della donna sembra essere falso visto che viene solo nominata come moglie di Fedor Vasilyev, contadino russo che ebbe 89 figli dalle sue due mogli.

Fedor Vasilyev (1707-1782) è un contadino russo di Shuya. La sua prima moglie (il cui nome è ignoto) ha fissato un record per il numero di bambini nati da una donna. Tra il 1725 e il 1765 partorì per un totale di 69 bambini. Di questi, 16 paia di gemelli, 7 tre e 4 quarti (un totale di 27 nati). Di 69 bambini nati, 67 sono sopravvissuti all’infanzia [1] [2] . Vasiliev aveva anche 18 figli dal suo secondo matrimonio – 6 paia di gemelli e 2 triplette. Così, in tutto, aveva 87 figli. Almeno 82 di essi erano vivi nel 1782. Informazioni sulla famiglia Vasiliev sono incluse nel Guinness Book of Records.

Seppur presente nel libro dei Guinness già dagli anni Trenta del secolo scorso, si cerca di spiegare come i dati su cui ci si basa siano racconti poco affidabili.

In 1933, writer Julia Bell investigated the claim in a report published in Biometrika. The article entitled “Plural Births with a new Pedigree” reports that “this history was published independently – with a caution – by Hermann, writing on Statistics of the Russian population in 1790. My impulse was to reject the case as unworthy of serious consideration, as apparently the cautious Garthshore did in 1787.”

The writer noted that attempts by the Lancet in 1870s to verify the case were described as “superfluous” by the Imperial Academy of St. Petersburg. She concluded her investigation with the question, “Are we to accept this case as an established record?”

Quello che è certo è che quella in foto non è Valentina con i suoi figli, si è solo presa una foto con una famiglia numerosa, la si è estrapolata dal suo contesto, ci si è aggiunto il racconto su Valentina col solo scopo di ottenere like e condivisioni; sia chiaro, gli autori del falso non sono gli admin dietro la pagina Le fotografie che sono passate alla storia, la foto gira così da anni, rendendola oggi un esempio di leggenda urbana.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!