Circola anche sui Giornali la notizia che la Serracchiani abbia imposto pesanti modifiche alla legge finanziaria 2014 del Friuli, pesanti sopratutto nei confronti di:

 

sociale, famiglie, anziani, disabili, disoccupati, sanità, assistenza e ospedali. Tranne al maneggio che accudisce il suo cavallo.

Esser costretto a difendere un politico in nome della corretta informazione rompe le scatole, specie se quel politico non ti va a genio…ma volendo stare dalla parte dei fatti tocca…e cerco di farlo anche stavolta.

 

Veniamo ai fatti, sostengono svariate testate (incluso Il Giornale, povero Montanelli pace all’anima sua) che questi siano i numeri della nuova finanziaria del Friuli Venezia Giulia:

 

…meno 120 milioni di euro ai danni della sanità regionale e 21 milioni (-7% rispetto al 2013) a spese delle politiche sociali come maternità, disabilità, anziani, infanzia. Via il bonus bebè per le famiglie in difficoltà. Meglio dare soldi ai circolini gay e altre associazioni culo e camicia con il Pd. Per l’esattezza 2 milioni di euro. Tra cui i soliti festival cinematografici e associazioni culturali legati al centrosinistra: poi qualcuno si chiede come mai i vari registi d’apparato si affollino alle primarie.

 

Circa 315mila euro vanno alle imperdibili Giornate del cinema muto, 250mila al Trieste Film Festival, 20mila alla rassegna Un film per la pace, altri 170mila al cinema Cappella Underground di Trieste.
Ci sono poi alcuni milioni di euro per i campi nomadi e l’accoglienza dei ‘profughi’.
Ma non è difficile andare a verificare i numeri veri, visto che la Legge Finanziaria è pubblicata sul sito della Regione Friuli Venezia Giulia:
E qui per confronto quello del 2013:
Partiamo dalla Sanità regionale, VoxNews parla di 120 milioni in meno, è davvero così?
Nel 2013 si erano stanziati:
277 milioni per l’anno appena finito
-122 milioni per quello in corso (il 2014)
e 1.820 milioni per il 2015
Oggi vengono rivisti così:
invece di un -122 milioni c’è una previsione per l’anno in corso di 265 milioni
per il 2015 sono previsti 188 milioni

e per il 2016 2.016 milioni

Facendo i calcoli tra 2014/15 previsto nel 2013 e 2015/16 previsti oggi mi sembra ci siano dei milioni in più, non in meno, se la matematica non è un opinione 188+2016= 2204 mentre nelle previsioni precedenti si parlava di -122+1820= 1698, quindi le spese (programmate) previste per la sanità nel prossimo biennio sono maggiori di quelle previste l’anno scorso, non minori.
Andando nello specifico verso la disabilità è difficile farvi un quadro esplicativo della cosa, ma quelli che sembrano tagli  è perché erano fondi in buona parte già stanziati precedentemente. Non mi sembra a leggere le due cartelle che vi sia questa disparità immane.
Poi si passa all’attacco dei circoli gay et similari, non ne ho trovato espressamente traccia nei pdf della Finanziaria, non perlomeno definiti così, e tra i finanziamenti ai circoli culturali e ricreativi non trovo grandissime disparità con i dati del 2013, un lieve aumento d’investimento si c’è stato, ma dedicato a quesi tutte le iniziative culturali del Friuli Venezia Giulia.
Fare attacchi politici partendo da cose sensate è giusto, io penso sia giusto dare più fondi a X che a Y per questa e quest’altra ragione è un dibattito politico che gradirei…invece sfruttare la pigrizia delle masse contando che non si vada a leggere i documenti citati è subdolo, si conta sul fatto che il tuo lettore (che ti legge perché la pensa come te) si fidi, quindi poco importa approfondire, ma solo attaccare, io questo non lo chiamo giornalismo, ma pseudo tale, che sfocia in pseudo politica, mal fatta, raffazzonata e che alla lunga rischia di esser solo controproducente.
Ma questa è l’Italia (paese che amo) …
Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!