EINSETIN-BERNA2

Circola da qualche giorno un’immagine che mostra una lettera sbiadita dal tempo.

university-of-bern

6 giugno 1907

Caro Mr. Einstein,

La vostra richiesta di applicazione per il dottorato non è stata accettata al momento e  lei non è idoneo a ricoprire il ruolo di professore associato.

Pur reputando che lei abbia posto una teoria interessante nel suo articolo su “Annalen der Physik” riteniamo che le sue conclusioni sulla natura della luce e i collegamenti fondamentali tra spazio e tempo siano in qualche modo radicali. Sopratutto, troviamo le sue assunzioni più artistiche che davvero di Fisica.

Cordiali saluti, vostro

professor Wilhelm Heinrich, Ph. D.

Snopes è già andato a fondo sulla storia, ma in inglese. Per vostra comodità qui trovate un sunto di quanto riportato dal sempre ottimo blog di debunking americano. Per chiarire subito, la lettera è falsa, completamente falsa. Ma non è così per la bocciatura di Einstein che nel 1907 era stato respinto, per venire però accettato l’anno dopo col suo Dottorato di ricerca presso l’Università di Berna e un posto come docente.

Perché la lettera è falsa?

  • Beh per cominciare l’università di Berna è svizzera e la lingua usata maggiormente è il tedesco, Einstein era di lingua tedesca e scriveva in tedesco, come in tedesco era la sua domanda per il dottorato. Che senso avrebbe avuto scrivere la lettera di risposta in inglese?
  • La carta intestata riporta un indirizzo in forma errata, usando codici postali che non sono entrati in uso fino al 1960 in Svizzera.
  • Non esiste un decano di nome Wilhelm Heinrich e non esisteva un facoltà di Scienze separata da quella di Lettere e Filosofia.
  • Il timbro è a sua volta un falso, mai usato in quella forma dall’Università.
  • La foto circola sia nella forma che avete visto qui sopra, che in quella non tagliata, che mostra il francobollo con la faccia del grande fisico da anziano. Francobollo americano  emesso nel 1966.

einstein-stamp-994x1024

Credo che il buon Albert si sarebbe fatto una sana risata.

xlarge

maicolengel at butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!