MATTDAMON-COMPLOTTI2

Da anni sul web circola un video con Matt Damon protagonista, non viene da uno dei suoi film, ma è un suo discorso, o meglio così ci viene raccontato dai tanti che lo condividono, con titoloni così:

Matt Damon parla pubblicamente sul Nuovo Ordine Mondiale e degli Illuminati (video)

E tutti giù a ridere, no, niente ridere, questi son seri, ci credono per davvero, occhio a non offenderli.

Vediamo di capirci, il video non è falso, quello è Matt Damon per davvero, ma ci troviamo in un teatro ad una rappresentazione che s’intitola: “The People Speak, Live!”, interpreti Matt Damon e Lupe Fiasco, da un’idea di People’s History (associazione americana che si occupa di tenere viva la parola della gente, quella meno nota, che ha comunque fatto la storia).

Matt Damon sta partecipando ad una rappresentazione delle parole di qualcun’altro, Howard Zinn, quello che sentite non è altro che un brano tratto da un discorso di Zinn nel 1970. Titolo del discorso:

The Problem is Civil Obedience

Ogni singolo episodio di quel monologo si riferisce a fatti antecedenti il 1970, Zinn era un pacifista, attivista per i diritti civili. Si definiva “un anarchico socialista, forse un democratico socialista”. Tutti gli episodi di cui parla fanno parte di alcune delle sue battaglie. Sicuramente siamo di fronte ad una denuncia, vera, sentita, ma non è Damon a puntare il dito, è Zinn. E lo punta sulla società che lo circondava negli anni ’70, sulla legge che dettava quello che si poteva e non si poteva fare.

Le cose sono cambiate? Non sta a me dirlo. Ma il problema non è cosa degli ultimi anni, difatti risale, secondo Zinn, a quando fu firmata la Carta dei diritti americana.

It started way back. When the Bill of Rights was first passed, remember, in the first administration of Washington? Great thing. Bill of Rights passed! Big ballyhoo. At the same time Hamilton’s economic pro gram was passed. Nice, quiet, money to the rich-I’m simplifying it a little, but not too much. Hamilton’s economic program started it off. You can draw a straight line from Hamilton’s economic program to the oil depletion allowance to the tax write-offs for corporations. All the way through-that is the history. The Bill of Rights publicized; economic legislation unpublicized.

Nel discorso Zinn non nomina né del NWO né degli Illuminati, parla della legge, dell’ordine, dei legittimi strumenti di protesta dei cittadini e di come affrontare con la disobbedienza civile le leggi con cui non siamo d’accordo, o quelle che non portano ordine. Sono analisi che, accurate o no, corrette o no, vanno per prima cosa contestualizzate nell’epoca in cui sono state prodotte, non piegate a un’interpretazione creata ad hoc. A voi ogni ulteriore considerazione.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!