RACCOLTAMELE

Dal 10 ottobre sta circolando un piccolo post su Facebook, tristemente era un tentativo di boicottaggio contro la raccolta fondi per la ricerca contro la Sclerosi Multipla.

Guarda…non chiudere gli occhi…guarda cosa finanzi se compri le mele contro la S.L.A…. una grave patologia che nonostante tutti gli accanimenti di questa ricerca scellerata, criminale sugli animali, 700 milioni ogni anno, non è stata ancora sconfitta dimostrando ancora una volta, come il “sacrificio” di queste creature sia del tutto inutile. La verità rende liberi di scegliere…ora la verità rende liberi di scegliere…ora la verità la sai…fai la tua scelta…

Il post sta circolando sui social. Intanto vorrei aveste chiaro che SLA e SM non sono la stessa cosa. La Sclerosi multipla colpisce oltre 68mila persone in Italia, la SLA oltre 3000. La raccolta delle mele è per la Sclerosi Multipla, non per la SLA, e questo già dimostra che l’attenzione dell’estensore del post non è fare informazione, ma solo attaccare la sperimentazione animale.

Sperimentazione che dispiace a tutti, anche qui su Butac, non crediate che ci sia una categoria di persone che ama vedere gli animali utilizzati. Ma finché non si trova un modello altrettanto funzionale, per determinati tipi di ricerche sono, per ora, necessari.

Già tempo fa avevo parlato di questo sistema di boicottaggio delle raccolte fondi. La storia è sempre la stessa anche se cambia l’obbiettivo finale, attaccare per il gusto di farlo, senza essere propositivi in alcuna maniera. Non piace a nessuno la sperimentazione animale, se domani qualcuno avesse un metodo alternativo meno invasivo e costoso tutti sarebbero i benvenuti ad abbracciarlo. Volete saperne di più sulla ricerca sulla sclerosi multipla? Qui potete trovare tutte le informazioni necessarie.

Anche in questo caso, come l’altra volta l’immagine è accompagnata dalla foto di un animale sofferente, la foto circola perlomeno dal 2004, (11 anni fa!!!) e non viene dall’Italia.

La ricerca è importante, la ricerca è necessaria, la ricerca non ha ancora trovato una cura, ma è riuscita a raggiungere tanti altri risultati importanti.

La AISM conta anche sul vostro aiuto, e fino a stasera (12 ottobre) potete ancora donare con:

l’SMS solidale 45591 del valore di 1 euro per ciascun SMS inviato da cellulari TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile e CoopVoce. Sarà di 2 euro anche per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa Vodafone e TWT e di 2/5 euro per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Fastweb.

Ma volendo da qui potete donare sempre!

maicolengel at butac.it

 

Previous articleCiclone Forza 2?
Next articleVaccini – Istruzioni per l’uso
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.