hebdo-isis2

VoxNews e ImolaOggi sono tornate alla ribalta con articoli copia e incolla da testate straniere (o ancor meglio da twitter). Nessuna delle due notizie che andiamo a vedere è trattabile in maniera decente, nessuna delle due è “sbufalabile” ma neppure verificabile ad oggi, e difatti gli unici che le spacciano all’estero sono testate al livello appunto di VN e IO.

Imola Oggi ci racconta che:

Orrore a Raqqa, ISIS decapita un prestigiatore: “ha oltraggiato l’Islam”

raqqa-mago

La fonte? Il Daily Mirror, che pur essendo una testata giornalistica vera fa al massimo concorrenza a Cronaca Vera (o al Daily Mail) come qualità delle notizie pubblicate. Oggi ad esempio una delle storie che va per la maggiore è quella che parla di un fantasma che terrorizza gli automobilisti su una strada inglese, UN FANTASMA.

 dailymirror

Ma il problema non è solo questo, ma anche che la fonte stessa dell’articolo è inesistente: un attivista, non identificato, che avrebbe lasciato ISIS sconvolto dalla barbarie commessa. Non è che posso dirvi con certezza che si tratti di un falso, lo sospetto e basta, ma il problema è che questo non è un articolo degno di apparire su alcun giornale, mancano le verifiche, mancano le fonti, l’unica esistente è lo stesso giornalista del Mirror che da Londra non ha mai mosso il suo sedere. E difatti le testate che riprendono la cosa sono quelle note per la fuffa che spacciano. MI è stato fatto notare che anche ADNKronos ha messo la notizia in evidenza, ma la fonte resta sempre la stessa, il Daily Mirror. Non è la prima volta che cerchiamo di farvelo rilevare, le agenzie di stampa come ADNKronos non sono Reuters, non verificano le loro notizie, le comperano a pacchetto e rivendono in abbonamento, nulla di più nulla di meno, se erano fuffa in partenza restano fuffa anche dopo!

E veniamo agli altri nostri amici:

VoxNews e gli islamici che festeggiano dietro alle spalle di una cronista

hebdo-isis

VoxNews a differenza di ImolaOggi non è nemmeno testata giornalistica, quindi se ne infischia di darci una fonte della notizia, pubblica lo screenshot di una trasmissione e gli aggiunge una didascalia copiata ed incollata dai vari twitter che circolano con la stessa. La notizia quindi  appare per prima su Twitter, scovata dopo un po’ di ricerche, ma anche li la fonte lascia lievemente dubbiosi, la maggioranza di quelli che l’hanno condivisa sono i soliti profili ad hoc che spargono letame a tutto spiano verso tutto quanto non gli aggrada, che siano le razze, la religione, l’identità politica…gentaglia che non ha di meglio da fare che postare su twitter ogni venti minuti, e ogni post è un vomito d’odio.

Ma che fanno davvero questi due ragazzi alle spalle dell’intervistata?

Non sono stato capace di ritrovare il video, quindi anche qui non posso  sbufalare nulla, chi ha condiviso per primo la cosa non ha linkato il video (strano eh) ma leggendo nei commenti e guardando la foto si nota che si tratta di due giovani (musulmani? ce lo dice voxnews, ma nessuno conferma la cosa se non appunto chi sta cercando pretesti per spargere odio) che fanno gli imbecilli. La cosa è da condannare? Sicuramente non era il luogo e il modo d’agire, ma nulla che non vediamo tutti i giorni in un qualsiasi telegiornale. Dietro agli intervistati ci sono sempre imbecilli che vogliono apparire, che si tratti di occasioni liete, o tristi, poco importa, specie per dei giovani, malati di protagonismo. E difatti anche qui vediamo che uno dei due sta cercando di far vedere il marchio della sua giacca, che può centrare questo con la morte dei poveri giornalisti francesi? Nulla è solo pura e semplice “coglionaggine” data dalla giovane età. E l’altro non sta facendo il segno della vittoria, come sostiene Vox (e gli altri amanti della disinformazione che hanno fatto circolare la foto) ma solo uno dei tanti gesti simil rapper che vediamo ogni giorno un po’ ovunque.

Condannare chi sostiene il gruppo armato colpevole della strage parigina è giusto, giustissimo! Farlo spacciando disinformazione è ridicolo e vergognoso e l’unico risultato che può ottenere è minare la credibilità delle notizie verificate che circolano on e off line.

ImolaOggi e VoxNews fanno parte della lista nera da quando l’ho creata, mi piacerebbe tanto che imparaste a star lontano da quelle due pagine, e da tutte quelle che usano loro come fonti. Esistono testate che  che non spargono immondizia come loro, leggete quelle piuttosto. E ricordate, chi pubblicando una notizia non rispetta le 5 W del giornalismo sta agendo in malafede, sa bene che la propria fonte non è verificabile ma se ne infischia, lo scopo ultimo è indignarvi e non informarvi!

Previous articleAugmentINnocuo
Next articleIl senso del fondamentalismo animalaro per la politica
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.