Oggi non parliamo di una notizia che mi avete segnalato, ma di una storia che vede coinvolta un’amica di BUTAC, l’avvocato Annamaria Cesari, che è anche uno dei legali che ci aiutano nelle varie controversie. Tutto quanto riportato qui sotto viene da una denuncia da lei presentata proprio pochi giorni fa. Era materiale di cui ero a conoscenza da un po’, ma stavo aspettando l’avvenuta denuncia.

Partiamo da principio, a luglio 2018 la mia amica avvocato si presenta nel negozio Apple di Bologna, il suo smartphone è misteriosamente defunto. La priorità era recuperare i dati e il commesso spiega che è possibile farlo, loro non possono farlo, non da loro, ma lui può indicare un’azienda esterna che si occupa proprio di questo e che può aiutarla. Ricordo siamo all’interno del negozio ufficiale Apple, il signore è un dipendente della grande multinazionale.

Le mostra sul portatile del negozio il sito di un’azienda con nome italiano a cui rivolgersi. La mia amica ovviamente, da fedele cliente Apple, si fida. Contatta l’azienda si fa fare un preventivo per il salvataggio dati (100 euro preventivate al telefono). L’azienda contattata a quel punto comincia a chiamarla con insistenza invitandola ad accettare il preventivo e inviare lo smartphone all’assistenza. 8 giorni di chiamate, fino a due al giorno, da parte dello stesso dipendente contattato la prima volta. Dopo 8 giorni così l’amica cede e sulla base del preventivo decide di spedire il suo smartphone alla ditta in questione. Dopo qualche giorno viene contattata per avere conferma che il telefonino è arrivato a destinazione.

Passa ancora qualche giorno e viene ricontattata: il preventivo è lievitato, non bastano più 100 euro, ma sono diventati 300. Non viene indicata una motivazione del triplicare del prezzo. Ma poco importa, 100 euro andavano bene 300 sono comunque troppi per recuperare quelle cose che ancora non si erano sincronizzate col cloud. Chiede che lo smartphone venga rispedito indietro e attende.

Passano i giorni, senza che nessuno si faccia vivo. Preoccupata li ricontatta, le assicurano che sarà spedito il 14 08 2018. ma del cellulare anche a fine agosto nessuna traccia. Alle chiamate di lamentela le viene risposto che sarà un ritardo nella posta, che ci saranno problemi con le poste tedesche (perché il cellulare, dall’Italia dove era stato spedito ora si trova all’estero da dove, a dire dell’azienda è stato rispedito). Siamo nel 2019, del cellulare non si è mai vista traccia. L’azienda non ha mai fornito un codice di tracciamento del pacco e quindi il cellulare chissà che fine ha fatto.

Perché ho deciso di scrivervi tutto questo? Ma perché una volta sentita la storia sono andato a cercare questa ditta, e ho trovato che la mia amica non è l’unica ad aver riscontrato grossi problemi.

Vi pubblico alcune delle review apparse in rete negli ultimi mesi:

Buongiorno ho avuto lo stesso trattamento degli altri anzi a me hanno chiesto e pagato una cifra esorbitante promettono il 70% poi alla fine dopo un mese e svariate telefonate senza risposta solo con il centralino ( quando ho fatto la richiesta mi hanno contattato 5 volte in un giorno ) mi rispondono con un email dicendo che non si possono recuperare i dati. una truffa legalizzata purteoppo non siamo tutelati dalle leggi italiane non dovrebbero permettere a degli schiacalli fare una cosa del genere

 

Buon servizio ma troppa insistenza nelle telefonate. Una chiamata ogni settimana per tre mesi mi sembra eccessivo. Quando ho accettato di usufruire del servizio le telefonate sono addirittura aumentate………

 

Hard disk danneggiato ho speso solo tanti soldi per non recuperare nulla da evitare mi sono affidato ad un concorrente che mi ha risolto il problema con meno di quanto speso in precedenza

 

Classico BIDONE alla italiana , ti promettono di tutto gratis ritiro , consegna , diagnostica e preventivo . Poi quando hanno gli hard disk in mano iniziano a minacciarti che se non paghi non vedrai più gli hard disk . Da EVITARE COMPLETAMENTE . Preventivo inesistente fatto come al mercato , diagnostica fatta a voce ” ho sentito dire che…” .Addirittura per la riconsegna degli hard volevano 2000€ , poi alla fine 180€ . Con la minaccia di denuncia hanno accettato il nostro corriere ( 38€) .Non hanno nessuna sede in Italia e tutto viene gestito via telefono da sedicenti dipendenti .Inoltre usano sedi Regus x ritiro della merce .Bruttissima esperienza alla napoletana

 

Società truffaldina, da evitare assolutamente!!!!
Inviato loro il mio hd per recuperare i dati dopo copiose telefonate e rassicurazioni per una buona possibilità di riuscita, in realtà alla fine mi hanno fatto un preventivo del doppio rispetto al prezzo della media di mercato (820 euro).
Provo a fidarmi inviando il pagamento parziale (600 eur, il saldo alla consegna degli hd) perché per via di complicazioni l’hd deve essere spedito in “camera bianca” in Inghilterra.
Dopodiché SPARISCONO. Dopo numerosi tentativi di contatto via mail e via telefono, mi rispondono dopo un mese abbondante che ci sono state delle complicazioni, quando prima del pagamento mi si assicurava che la probabilità di successo era molto alta.
La mia è una storia che si è ripetuta per tantissimi clienti che si sono rivolti a loro. Forse tutti? Probabile visto che il pagamento è effettuato ad una società inglese “Fields Associated” e se cercate su internet riguardo questa società scoprirete che le truffe di questo genere sono a livello mondiale attraverso tante piccole società nel mondo come prontodati.com o salvataggio-dati.com.
Risultato dopo mesi di attesa, telefonate vane e incazzature varie: una mail piena di termini tecnici (che non possono essere controverificati) nella quale, in sostanza, dicono che non è possibile recuperare alcun dato.
Soldi facili per loro.
In più mi richiedono 15 euro per una spedizione dell’hard disk via corriere altrimenti c’è la spedizione ordinaria o lo smaltimento.
E io che gli ho anche dato un hd nuovo di zecca come dispositivo per recuperare i dati!!!
Inutile dire che questi hard disk ancora non sono arrivati…
Segnalazione fatta a tutte le associazioni di consumatori come molti altri hanno fatto prima di me. Prima o poi questi “signori” pagheranno tutto.

Come vedete ho attentamente evitato di nominare l’azienda in questione, su cui si possono trovare anche ottime recensioni, non voglio attaccarli direttamente, da quanto ho capito hanno già ricevuto svariate denunce. Quello che mi piacerebbe capire (visto che alla mia amica avvocato non hanno dato informazioni) è se Apple sia conscia che in alcuni dei loro negozi si suggerisce un servizio che alcuni hanno definito truffa. Sarebbe interessante anche sapere se sia un ordine dall’alto questo suggerimento o se sia una privata iniziativa di un singolo commesso di un negozio (ma dal tono di alcune review mi pare che capiti anche in altri Apple store italiani).

Per oggi è tutto, ma se avete device con dati da recuperare prima di affidarvi al primo che vi viene offerto fate un giro in rete per verificarne la reputazione.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su Paypal! Può bastare anche il costo di un caffè!