Texas

Leggo per una volta non pubblica una bufala, e spiega tutti i fatti, lasciando però al lettore curioso di scoprirli post titolone, primo paragrafo e immagine.

MULTE A CHI SI MASTURBA NON A SCOPO RIPRODUTTIVO: LA PROPOSTA DI LEGGE CHOC

Peccato che sappiamo bene che la maggior parte della gente cliccherà senza minimamente scorrere la pagina.

Cerchiamo quindi di fare il contrario: partiamo da quella che per Leggo è la fine.

In Texas hanno una legislazione molto rigida sull’interruzione di gravidanza, una legislazione che molte donne vedono come sbagliata, e da tempo chiedono venga migliorata. Come spiegava la BBC:

Texas has some of the most restrictive abortion laws in the US – even though the Supreme Court overturned a 2014 ban on drug-induced abortions after seven weeks last year.

The restrictions mean clinics providing abortions are few and far between. According to the Texas Tribune, there were 19 abortion clinics in June 2016, the vast majority of them concentrated in urban areas.

It has left 95% of counties within Texas’s expansive borders without a clinic. In the 885km (550 miles) between San Antonio and El Paso – the same distance as between Penzance and Edinburgh – there are no abortion clinics.

Quindi Jessica Farrer, legislatore dello stato texano dal 1994, ha deciso di provocare il pubblico proponendo una legge che sa benissimo non verrà mai approvata. L’intento è solo quello di spostare l’attenzione su come è trattata la donna in Texas quando si parla di gravidanze indesiderate. Non vuole multare le pippe per davvero.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!