TRIVELLE2

I comitati pro “sì” e pro “no” sono dei veri campioni di bufale!

trivelle 2

Italiano apri gli occhi, ragiona con la tua testa e non farti prendere in giro da questa classe politica di basso livello.

Forse è questo l’unico invito che mi sento di dare agli elettori che domani andranno o non andranno a votare.

Eh sì, perché in questi giorni di fesserie (a Roma direbbero fregnacce) se ne sono sentite davvero tante sul referendum di domani.

Direi quindi di partire dalla fine, ovvero:

CHE COSA NON È IL REFERENDUM

  1. Non si vota per aumentare o diminuire la percentuale di energia rinnovabile (idroelettrica, solare, eolica, ecc…) su quella fossile (metano, petrolio, ecc…)
  2. Non si contribuisce ad aumentare l’estrazione di greggio nazionale
  3. Non si cambiano le regole per lo sfruttamento di eventuali nuovi giacimenti nazionali
  4. Non si riduce (o aumenta) la quota di greggio importata
  5. Non aumentano (o diminuiscono) i prezzi dei carburanti
  6. Non si aumenta o riduce l’inquinamento.

Trivelle

CHE COSA DICE IL TESTO DEL REFERENDUM

Il testo della scheda referendaria chiede:

Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208, “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale“?

TRADUCENDO

  • SE VINCE IL SÌ – La concessione alla società PincoPalla scadrà alla data indicata nel contratto
  • SE VINCE IL NO – La concessione scadrà all’esaurimento del giacimento.

trivella 3

In pratica, in caso di abrogazione dell’attuale legge che concede di protrarre le concessioni di estrazione idrocarburi entro 12 miglia nautiche dalla costa italiana sino all’esaurimento del giacimento, le concessioni giungeranno alla scadenza prevista senza poter essere rinnovate ulteriormente.

Di recente si sono viste forze politiche raccontare delle vere e proprie BUFALE ai propri elettori. La vittoria del sì o del no di fatto non cambia la percentuale tra energia “verde” ed energia da petrolio/gas. Come detto prima quindi non è un referendum sull’ecologia.

Non è un referendum per fermare le trivelle poiché le trivellazioni continuano fino alla scadenza del contratto, che, potenzialmente, può comunque essere rinnovato. La differenza è che in caso di vincita dei NO il rinnovo è tacito, in caso di vincita dei SÌ serve ritrattarlo da capo come nuovo.

Ne consegue che ulteriori contratti di sfruttamento del sottosuolo potranno essere fatti, in barba a chi sostiene il contrario.

E infine, ovviamente non è una vittoria dei SÌ o dei NO a modificare il prezzo del carburante alla pompa.

no

Di fatto reputiamo che la vincita del SÌ o del NO non cambi nulla, in quanto l’eventuale rinnovo dello sfruttamento del giacimento potrà essere comunque possibile.

Produce bufale chi sostiene che la vittoria del NO dia più petrolio all’Italia o non crei aumenti di prezzo.

Produce bufale chi sostiene che la vittoria del SÌ consegnerà agli italiani un paese più verde, meno inquinato e senza trivelle.

La strumentalizzazione nel nostro paese è lo sport più praticato da tutte le forze politiche a centottanta gradi, che sfruttano la “normale disinformazione” dei cittadini per raccontare le proprie bugie. Da una classe politica che cerca consensi con bugie e strumentalizzazioni, come si può pretendere di avere un grande paese?

Aprite gli occhi quindi e poi decidete in coscienza vostra se votare e per chi.

L’importante è che siate correttamente informati tenendo il più lontano possibile le bufale politiche dalla vostra testa.

Noi siamo qui anche per questo.

Lola Fox

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!