Ventimila volte grazie

880

20000grazie

Su Facebook siamo arrivati ad un traguardo importante per noi, l’aver superato i ventimila follower, alcuni dei quali nel tempo sono diventati autori, altri amici ed alleati nella quotidiana lotta alla disinformazione.

Ci stava un post di ringraziamento, a tutti; anche a quelli che ci leggono solo con senso di critica, che magari non commentano per settimane (anzi a volte mettono pure i like) per poi scagliarsi rabbiosi la volta che pestiamo loro i calli, non rendendosi conto, spesso, che basterebbe poco per accorgersi che cerchiamo sempre e solo di raccontare i fatti!
Non  ho detto che abbiamo solo raccontato UNA storia sia chiaro, non fate confusione con altri in giacca e cravatta nera…ho parlato di fatti, quelli supportati da dati, non da buonismo e sensazionalismo!

BUTAC nasce per raccontare quelli! E magari a volte sbaglia, ma cerca SEMPRE di porci rimedio, con smentite (quando necessario) o più semplici correzioni, ma mai lasciandovi senza una spiegazione, anche quando per colpa di una parola di troppo è costretto a censurare causa minacce legali serie a cui non sono in grado di ribattere, non ho mai lasciato una pagina in bianco, ho sempre cercato almeno di spiegare perché quel pezzo è stato rimosso. Cosa che invece tristemente vedo fare sempre meno spesso a tante altre testate, anche importanti! Sono rarissimi i casi di smentite, le correzioni vengono fatte a volte, ma senza mai segnalare ai lettori che sono emersi nuovi elementi, lasciando pertanto quelli che già avevano letto la cosa convinti della sua bontà. Non è così, secondo me, che si fa buona informazione, non è inseguendo lo scoop (o la sbufalata veloce) che si fa un buon lavoro, forse si cresce più in fretta, sicuramente si guadagnano visite, link e condivisioni…ma  professionalmente parlando si è fatto un pessimo lavoro!

beyonce-illuminati

Questo, come ho potuto scoprire in quest’anno dietro a BUTAC, non è (solo) colpa di cattivi giornalisti, ma (molto più spesso) colpa di cattivi editori, direttori, caporedattori, che se ne infischiano se su 100 articoli 80 sono spazzatura pura e che i 20 validi lentamente stanno venendo inghiottiti dagli 80 fuffari, persone per cui ormai contano più i click sul web che le copie vendute in edicola, e sul web sono convinti si possa scrivere di tutto di più, tanto (visto gli articoli che pubblicano) pensano sia frequentato da una banda d’idioti.

Mentre invece esistono persone a modo anche in redazioni non apprezzate da tutti, in questi mesi mi sono scambiato svariate mail con un caporedattore di una testata Mediaset, e mi sono trovato di fronte ad un ottima persona, che mi ha sempre risposto e ha provveduto a pubblicare smentita quando necessario. Altri ancora hanno un occhio di riguardo per noi debunker, al punto da pubblicare sbufalate provenienti da uno dei tanti blog italiani, oppure sbufalando direttamente loro, sto parlando di Giornalettismo, ma anche La Stampa che per combattere la disinformazione si aiutano con l’ausilio di professori titolati a parlare, come dimostra l‘editoriale / lettera aperta di pochissimi giorni fa (poi a volte le redazioni hanno qualche ricaduta, ma gliela si perdona)!

Sono senza parole, nulla di quello che è successo in quest’anno l’avevo preventivato, e nulla è merito mio, ma tutto merito vostro, dell’affetto con cui ci avete accolto, della passione con cui vi confrontate con noi! Noi non facciamo altro che raccogliere informazioni e trasmettere in maniera semplice a voi, ma senza un pubblico attento e curioso come quello che ci siamo creati in quest’anno non ci saremmo mai riusciti!

antivaccinefraud

Il mio ringraziamento più grande va a Paolo e Gianluca che mi hanno permesso di creare il blog, poi a Neil, il Ninth, Noemi, e tutti gli altri che in questi mesi hanno contribuito con degli articoli alla crescita del blog, all’avere più voci in un unico posto, poi ci sono i lettori speciali senza i quali spesso mi troverei perso, Elvi, Maya, Isamar, Luca, Paolo, Claudia, Maria, Alessandra, siete tanti troppi non riesco a fare l’appello di tutti, ma sappiate che senza di voi avrei mollato già da mesi! Poi ci sono gli aiuti esterni, i ragazzi MOLTO più in gamba di noi che studiano, che ricercano, che sognano di diventare scienziati, beh quelli sono tanti, troppi per poterli elencare tutti, ma sicuramente il mio affetto va a Giulia Corsini ed Elisa Chen, che tramite il supporto di gruppi come A Favore della sperimentazione animale e Minerva hanno collaborato tanto con noi nell’ultimo periodo!

Io spero di trovarmi ancora qui tra un anno, a festeggiare nuovi traguardi per BUTAC, ma più che altro a festeggiare un web lievemente più pulito ed ordinato, ma sappiamo bene che è una lotta persa in partenza, la montagna di merda è li che cresce!

cheneyrobot