VERMIPATATINE

Questa storiella sta facendo velocemente il giro della rete e in tantissimi me l’avete segnalata come bufala. In realtà la notizia è vera, come riportato da la Stampa (testata che devo dire ha sempre grande attenzione nella corretta informazione), il problema è lo pseudo giornalismo imperante su altre testate.

the-bamboo-worm

 

Non so se abbia circolato anche un’agenzia o se tutti abbiano usato come fonte il corretto articolo della testata torinese, se l’hanno fatto evidentemente avevano ricevuto ordine dalla redazione di cercare di esser il meno corretti possibili e spingere sul sensazionalismo…come si evince dagli articoletti di dubbio gusto che han circolato in merito, tristemente posso solo citare brani e non fonti, in quanto siamo stati diffidati da certuni ad usare il loro marchio sulle nostre pagine…

Vicenda choc a Torino, dove una donna sporge denuncia verso ignoti, a causa di un malessere accorso a suo figlio dopo l’acquisto di un sacchetto di normalissime patatine. La donna si chiama Sarah Idrissi, una giovane mamma che vive nella zona del torinese e che ha dovuto subire lo spavento di vedere improvvisamente suo figlio cominciare a vomitare vermi e sangue…

“Ho comprato due sacchetti di patatine a mio figlio, che ne ha mangiati due e nella notte ha vomitato vermi e sangue”. Il piccolo, di un anno e otto mesi, aveva mangiato delle patatine contenute in un semplice sacchetto. Dentro, però, i Nas hanno scoperto che i vermi c’erano davvero, e per giunta in una confezione che a rigor di logica doveva scadere nell’ottobre 2014.

Questo il racconto dei giornalari…ma La Stampa unica fonte riportata diceva così:

Lesioni colpose. Questa l’ipotesi di reato – al momento senza indagati – scritta nero su bianco in caserma. Sarah ha raccontato la sua versione dei fatti e i carabinieri stanno cercando riscontri alla tesi sostenuta della donna.

«Mio figlio ha mangiato due pacchetti di patatine sotto la mia sorveglianza. Era mercoledì pomeriggio. Il primo aveva dei vermi, il secondo no. Così, ho messo via la busta con gli altri involucri, ma lui è riuscito ad aprirla approfittando di un mio momento di disattenzione e a prenderne un altro. Già dalla sera – ha raccontato la mamma del piccolo – vomitava e aveva la febbre. La mattina dopo, pulendo il lenzuolo, ho visto le larve e piccole chiazze di sangue e sono corsa in ospedale.»

Sicuramente i vermi c’erano davvero nelle patatine, ma come spiega bene La Stampa i Carabinieri si stanno svolgendo delle indagini che chiariscano la situazione è presto per gridare al verme nelle patatine…

In tanti degli articoli in circolazione poi si cita il fatto che il lotto di patatine  fosse in scadenza ad Ottobre 2014, e che anche in altre confezioni si siano trovati vermi (cosa che finora a me avrebbero smentito al telefono, ma non sono un giornalista e non sempre le forze dell’ordine amano farsi intervistare da un blogger), la Stampa comunque non ne fa menzione (pur essendo il primo a dare la notizia e a fare da fonte agli altri) . Detto ciò trovo ovvio che le patatine non fossero già scadute visto che nel caso avremmo risolto qualsiasi controversia, la colpa sarebbe del padrone del negozio che vende merce scaduta e stantia…

 

Quindi, si la storia è vera, non si tratta di BUFALA, i vermi nelle patatine c’erano davvero, come ci siano entrati, non si sa. Chi ne sia il colpevole? Non si sa. È emergenza patatine coi vermi? No! Non è che perché in un sacchetto di patatine si son trovati dei vermi quando OGNIanno in Italia credo si mangino circa 10 milioni di sacchetti di patatine, questo è il primo caso che sento di vermi nelle patatine…che vorrebbe dire una percentuale di rischio dello 0,0001% di trovare un sacchetto fallato. Credo che questa percentuale di rischio valga non solo per le patatine ma per tanti altri prodotti, che si tratti di una salsa, un paio di scarpe…che uno su 10 milioni sia fallato può succedere, no?

vermichips