CENSURA-23 (1)

Spesso leggendo le bacheche dei social network e i siti di un certo tipo (complottista) mi capita di leggere post che mi spiegano  che questo o quell’altro messaggio è stato censurato/bannato/cancellato da facebook/google/youtube/ilgoverno…la cosa sta cominciando a diventare fastidiosa, c’è chi ci crede davvero (uTonti) c’è chi grida alla dittatura, chi grida allo scandalo …e chi come me sta zitto e va a cercare la stessa immagine/status/video per vedere se davvero è stata bannata/censurata/cancellata!

E nel 99% dei casi non è mai così, quasi sempre trovo il messaggio che vorrebbero farmi credere essere stato censurato in migliaia di altri siti, il video che mi avevano raccontato esser sparito da Internet invece lo trovo sul suo sito ufficiale, online da più di due anni, insomma…di censurato online c’è davvero proprio poco.

E allora perché ci dicono così? Ma come perché? perché sull’uTonto nazionalpopolare fa molta più presa sostenere che quel messaggio è segreto, che quel messaggio il governo non vuole che tu lo ascolti, che quel video non va visto…ecc ecc…e nessuno si domanda se davvero c’è questa censura com’è possibile che lo stesso messaggio abbia decine se non centinaia se non migliaia di condivisioni…

Gli ultimi in ordine di tempo a fare questo giochino sono i ggiovani di Cieli senza scie chimiche (pagina Facebook) che pubblicano uno dei mille mila video che dovrebbero motivare i giovani a cambiare!

IL video è disponibile sul canale YouTube di chi l’ha creato, è li, funziona benissimo, e ci sta da almeno un annetto, lo trovate insieme a tanti altri qui: http://www.youtube.com/user/tradgedyandhope

I ggiovani di CSSC evidentemente non sanno come funziona facebook e il copyright infrigement…ovvio che se gli admin di FAcebook trovano un video che chiaramente non è tuo, che riporta end credit professionali e che proviene da un’altra pagina lo possano cancellare, dopotutto FB è un servizio GRATUITO che deve tutelarsi, ma bastava che linkassero il video a youtube invece che ricaricarlo su Facebook per non rischiare nessuna cancellazione o “censura”…ma fare le vittime piace evidentemente molto!

Imparate cari lettori, se qualcuno vi racconta che un messaggio è stato bannato/censurato, prima di condividerlo cercatelo, se lo trovate con facilità vorrà dire che chi ve l’ha postato STA MENTENDO e non merita la vostra fiducia!

Previous articleIl Corriere del mattino e Oggi.it
Next articleIl pesce maiale di Porto Cesareo
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.