Il 6 novembre abbiamo pubblicato un articolo che attaccava di petto il razzismo esposto da VoxNews. Evidentemente piacciamo molto all’admin di VN, visto che in meno di 24 ore si è preoccpuato di fare a sua volta un articolo che attacca BUTAC.

PER GLI ESTREMISTI DI BUTAC VOLERE UN’ITALIA ITALIANA È ‘RAZZISMO’

Non sto a commentare il titolo, non vale la pena. Quello che vorrei commentare è come l’admin di VoxNews nemmeno abbia provato a fare una veloce ricerca in rete, basandosi – come sostiene chiaramente nel suo articolo – su una singola foto, pubblicata in origine da il Corriere della Sera.

 Vox ha solo commentato la foto:

Vedete voi un immigrato fare la fila per aiutare come volontario? No. Non ce ne sono. Punto.

Peccato che le cronache smentiscano quanto riportato. È vero che in quella foto non c’è nessun immigrato, o per meglio dire non si vede nessuna persona di colore, che non è proprio la stessa cosa dato che non è sufficiente il colore della pelle per valutare la nazionalità di un individuo: per quel che ne sappiamo quelli ritratti nella foto potrebbero essere tutti australiani. (Un ragionamento un pochino razzista da parte di VoxNews che non lo è affatto, no?). Peccato però che una sola foto non sia esaustiva. Infatti, la RAI regionale del Veneto ci racconta:

All’opera a Belluno volontari e richiedenti asilo da tutto il Veneto

Scantinati da liberare dal fango, bordi delle strade coperti da rami. In 400 hanno risposto a un appello sui social e sono all’opera per ripulire la città ferita

Onestamente non so che dire se non che ribadire che VoxNews è razzista, non tanto per il titolo ma per la frase:

…solo l’omogeneità etnica rende una comunità tale

Lui sostiene non sia così, e si difende con questa lunga frase:

Il punto è che definire ‘razzismo’ il parlare di ‘omogeneità etnica’, ovvero volere che l’Italia sia abitata da italiani (ovviamente con turisti, ospiti e anche un numero ‘umano’ di immigrati), il Giappone da giapponesi e la Nigeria da nigeriani, può essere definibile razzismo solo da chi ha, lui sì, l’obiettivo razzista di eliminare i popoli e di creare una massa di schiavi senza identità.

Si difende sostenendo non sia vero che partiva da un articolo del Corriere, ma quello è la fonte di foto (con didascalia ma senza menzione) che VN ha usato nel suo articolo.

Per chi ne avesse voglia c’è anche un video a documentare le cose. E ci racconta Oggi Treviso:

Volontari e richiedenti asilo da Treviso a Belluno per ripulire strade e scuole

Un gruppo di profughi insieme a Talking Hands risponde alla chiamata del sindaco di Belluno e ripulisce un polo scolastico

Non so quanti richiedenti asilo si siano fatti avanti, ma come spiegavo nel precedente articolo non è questo il punto. Il punto è il pretesto di una singola foto, senza nemmeno fare lo sforzo di vedere se esistessero cronache che smentissero la tesi del 0 immigrati, per indignare i propri lettori. Che purtroppo negli anni crescono invece che calare, anche questo dovrebbe dar da pensare.

L’admin di VoxNews poi fa un’accusa che dimostra l’assoluta voglia di disinformare:

Ma poi quanto è volgare e infimo questo invocare l’intervento della polizia postale per censurare le idee altrui. Ma non vi vergognate?

Curioso che io nel mio articolo non faccia mai alcun riferimento a censura o polizia postale. Darlo però ad intendere ai propri lettori è solo un pretesto per ricordare quando BUTAC venne erroneamente interamente posto sotto sequestro per 4 giorni (per un articolo contro un sito che diffonde pseudomedicina) sequestro in seguito a denuncia di un medico che era citato nell’articolo e su cui per ora si è ancora in fase preprocessuale.

Non credo sia necessario aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

 

 

Previous articleLe M&Ms e le rockstar
Next articleLe Iene e i concorsi universitari
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.