21 Agosto 2017: fine del mondo capitolo… definitivo

33
150

fine del mondo

(sottotitolo) Scusate se in passato vi abbiamo raccontato delle bufale…

(sottosottotitolo) Per fortuna che c’è Leggo


Eh sì, cari lettori, oggi facciamo ammenda!

Butac dovrebbe demistificare le bufale circolanti in rete mentre invece vi mente spudoratamente!

L’ennesima fine del mondo

Siamo rei confessi: vi abbiamo sempre “detto” che il mondo sarebbe finito a una data precisa e invece così non è stato.

  • 14 febbraio 2014: Profezia vikinga by meteoWeb (della serie i Vikinghi non sbagliano mai e anche chi fa pseudo-meteo)
  • 3 aprile 2014: Asteroide che ci colpisce by Meteo Live News (Ripetiamo: chi fa “meteo” non sbaglia mai)
  • 24-30 aprile 2014: Asteroide che ci colpisce by Leggo (Chissà se fosse l’asteroide di prima in ritardo? Leggo non sbaglia mai, ma proprio mai mai mai)
  • 18 giugno 2015: “Non si sa il motivo” by Affari Italiani (Lo so che state ridendo ma è così: leggete l’articolo se non ci credete)
  • 28 settembre 2015: La Luna di sangue ci uccide (Ommioddio maèterribbile) by Pagina Facebook “Chi ha paura del Buio” (Smettetela di ridere, vi vedo!)
  • Settembre-ottobre 2015: Un asteroide che ci colpisce by Centro Meteo Italiano (Ah… se lo ri-dice chi fa “””meteo”””…)

Come se non bastasse vi abbiamo anche predetto che:

  • Anno 2036: Asteroide che ci colpisce by “nonsisachì”, tuttavia la notizia circola dal 2009

Poi ci sovviene alla mente persino che il mondo sia finito il:

  • 31 dicembre 2000: Il millenium bug ha ucciso tutti, banche e persone, tranne noi di Butac che continuiamo a scrivere e voi lettori!
  • 21 dicembre 2012: I Maya non possono sbagliare. Mai! Infatti è per questo che originariamente si chiamavano MAIa.

E infine c’è Wikipedia che ci ricorda che il mondo è già finito un sacco di volte, cioè il:

  • 31 dicembre 999 (mille e non più mille)
  • Anno 1260
  • 18 giugno 1836
  • 21 marzo 1843 – 21 marzo 1844
  • Anno 1967
  • Luglio 1999 by Nostradamus (Grande mago! Meglio del Mago di Segrate e del Mago Zurlì)
  • 21 ottobre 2011 (Strano, non me lo ricordavo)
  • 2012 – Della profezia MAIa azzeccata in pieno abbiamo già detto
  • 2035 – Più esattamente tra il 2025 e il 2035: il movimento Raeliano prevede l’arrivo degli Elohim nel 2020 (è vero!!!)
  • 2060 by John Maynard Keynes
  • Entro il 2240 – si entra nell’era dell’acquario (devo avvisare mia nipote 19enne), The Age of Aquarius (dopo, nella pausa lettura ci facciamo un ballo)
  • 2880 – Ancora un asteroide (Devo dire a mia nipote di passare parola)
  • 3797 – Ancora by Nostradamus, il grande mago molto meglio del Mago di Segrate e del Mago Zurlì

Poveri voi: quante balle vi abbiamo raccontato?

Oggi però promettiamo di fare i bravi e vi diamo lo scoop del giorno anno secolo millennio: il mondo finirà per davvero il 21 agosto 2017 e a confermarcelo è (tutto d’un fiato) nientepopodimenoché… Leggo. Anzi, come dicono loro (vedi sotto) il 21 agoto (Leggo non sbaglia mai, siamo noi che sbagliamo).

fine del mondo

Però si sono posti la domanda: “Che sia un falso allarme?”. Ma nooo… E se lo è che cavolo scrivete?

I lettori, che evidentemente ben conoscono la grande autorevolezza nonché l’infinita credibilità commentileggoprofessionale che Leggo possiede, commentano, tutti davvero preoccupatissimi per il futuro (in giallo quelli più preoccupati).

LEGGI ANCHE:  Animalista ribellati!

Cari lettori previdenti, ascoltateci: prenotatevi un bel funerale (siete avvertiti… non dite poi che non ve lo avevamo detto) perché se moriremo tutti assieme si prevedono lunghe file alle agenzie di onoranze funebri e grandi intasamenti ai cimiteri. Le bare potrebbero terminare anzitempo e anche i posti al camposanto. Il prete rischierebbe di fare una messa 3×1 per mancanza di tempo. I vostri amici potrebbero disertare l’estremo saluto a voi dedicato a causa di altri impegni funerari presi precedentemente. Rischiate di fare il funerale a mezzanotte di Capodanno per mancanza di disponibilità tecnica in altri giorni e orari.

Oppure, non vorrete mica rischiare di dover rimanere vivi per soprannumero, vero? Sarebbe una noia mortale! Leggiamo Leggo:

Il tema dell’Apocalisse incuriosisce e appassionia moltissime persone, tanto che ci sono alcuni teorici che hanno ipotizzato la fine del mondo il 21 agoto del 2017.

Chissà mai chi saranno questi teorici? I giornalisti giornalettisti di Leggo? O il loro pizzicagnolo di fiducia: Sor Nando ‘r pizzicarolo ?

Proprio in quel giorno, infatti, ci sarà una grande eclissi di Sole che (secondo gli esperti) segnerà l’inizio dell‘Apocalisse e la fine del mondo.

Secondo QUALI esperti? Quando i nomi latitatno la fuffa s’impenna.

Una grande eclissi di sole? Chissà cosa ne pensa Wikipedia? È vero che sarà grande?

Abbiamo confrontato magnitudine e durata delle eclissi solari passate e future dal 2011 al 2020: in classifica per magnitudine (1,031) è la 5° (su 24) mentre per durata (2′:40″) è l’8° (su 13 perché 11 non sono classificate). Vogliamo ancora chiamarla grande oppure la possiamo chiamare una normale eclissi totale di sole? E se è normale, perché mai dovrebbe decretare la fine del nostro pianeta? Ma anche se fosse grande, perché mai? Mah… misteri di Leggo.

Sono miliardi di anni che il sole visto dalla Terra viene periodicamente eclissato dalla Luna, ma se stavolta desse luogo all’Apocalisse e alla fine del mondo sarebbe la prima volta. E comunque in questo caso, se anche fosse, si dovrebbe parlare di… apocaclisse (o apocheclisse) di sole.

Si capisce bene perciò che sarebbe importante conoscere chi sono questi non meglio specificati “esperti” di cui Leggo parla ciarla: forse gli esperti di apocaclissi sono quelli di Leggo, alias sempre i soliti giornalettisti di prima?

In questo giornale-rete ci sono persone molto specializzate che regolarmente prevedono le fini del mondo conto terzi. A riprova, avevano previsto anche quella del 24-30 aprile 2014.

Regolarmente azzeccata, ovviamente! Vogliamo fargli un applauso per tanta competenza e maestria?

No? Non volete? Ma che strano…

Va bene… Allora date comunque un vostro contributo sonoro, qualunque esso sia, ai tecnici apocaclissici di Leggo che metodicamente prevedono con estrema precisione e puntualità ogni fine del mondo. È un lavoro importante: fatevi sentire, su… E se proprio non volete usare le mani per rumoreggiare, fatevi sentire con qualcos’altro.

Questa eclissi sarà totale negli Stati Uniti e lascerà al buio tutti per alcuni istanti.

Forse negli Stati Uniti non hanno ancora l’energia elettrica per illuminare edifici e strade durante le tenebre. Bisognerà provvedere a fornirgliela. Lo vedete come è fondamentale l’attività di Leggo?

LEGGI ANCHE:  Ancora la fine del mondo?

E poi com’è possibile che un eclissi solare oscuri tutti gli Stati Uniti quando la sua “striscia” è larga poche centinaia di km? Guardate qua la traiettoria del cono d’ombra totale:

Prtobabilmente sono quelli di Leggo a non vederci chiaro.

Ci troviamo di fronte all’ennesimo falso allarme (speriamo)?

Non si capisce se il punto interrogativo sia riferito al falso allarme o alla speranza: ma chi è che scrive? Grande eclissi solare… rimarranno tutti al buio… falso allarme (speriamo)?

Sono andati a scuola oppure sono andati a “squola”? Dopo l’asilo hanno fatto anche la quinta elementare o “anno” fatto solo la seconda? Ci sembra davvero la scrittura di uno di seconda elementare tale è il pressapochismo e la maniera infantile con cui si scrive. Una persona professionale in qualsiasi ambito scriverebbe in maniera più tecnica e forbita. Queste non sono nemmeno notizie da casalinghe disperate. Queste sono notizie spazzatura.

Dando uno sguardo a ritroso nella storia, sono moltissime le previsioni apocalittiche che si sono rivelate errate, come ad esempio nel 2000 o nel 2012, anno che secondo le previsioni Maya doveva segnare la fine di un ciclo e l’inizio di un altro.

Ma va’… ma non mi dire…

Ma guarda un po’… nel 2000 e nel 2012… Avete detto due date! E le altre di cui avete cianciato?

Eh sì, perché questi signori si sono dimenticati di dire che c’è anche questo articolo del 22 aprile 2014:

leggochoc

Poi c’è questo, del 28 settembre 2016:

leggochoc2

E poi ancora vi siete dimenticati di questo del 31 ottobre, circa un mese dopo – due fini del mondo in un mese è una cosa da Guinness dei Primati, mai accadute sulla Terra:

leggochoc3

Ora urge colletta monetaria anche non spontanea per donare (o forzare) alla redazione di Leggo intense terapie di fosforo pro-memoria, fregandosene totalmente se anche questa del fosforo pro-memoria è una bufala, come ci dice Wikipedia, oppure è un fatto vero, come asserisce La Stampa.

I “tecnici” di Leggo specializzati in apocaclissi chiudono l’obbrobrio dichiarando le modalità della prossima fine del mondo:

In questo caso, se l’Apocalisse dovesse iniziare nel 2017, segnerebbe la fine del mondo nell’arco di 7 anni, dove la nostra civiltà sarà investita da guerre e cataclismi cosmici.

Dunque avremo tante guerre, magari in contemporanea all’ennesimo asteroide o forse sarà addirittura la Luna che ci piomberà addosso.

Come si dice in una città italiana: mo socc’mel ‘c sfiga! (Oh perdindirindina, che sfortuna!).

Sarebbe come se tu bucassi contemporaneamente tutte e quattro le gomme dell’auto mentre ti si spacca la cinghia della distribuzione, contemporaneamente a tua moglie che ti fa le corna con un tuo dipendente.

Eh sì, ragazzi miei, bisogna proprio andare a prenotare la bara e il posto al cimitero.


Piccolo break: The Age of Aquarius – 1969

(Ve lo avevamo promesso no?)

***

Fino adesso abbiamo riso e scherzato. Ora però basta: siamo seri.

Signori di Leggo: ma non è forse arrivata l’ora di smettere di scrivere cazzate?

Lola Fox

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienimi su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!

Articolo precedenteCani abbandonati (sui balconi), diamo i numeri?
Articolo successivoLasciare Disqus?
Seguace di San Tommaso, sento di dover mettere il naso dappertutto ma quasi sempre sento solo puzza di fuffa100%. E sul rapporto causa-effetto nutro qualche preoccupazione: sono i bufalari e/o gombloddisdi a creare creduloneria, o è questa a indurre bufale ? Di certo è che la grande massa internauta non è preparata ad una informazione libera si da controlli di potere, ma anche da verifica della fonte.