4 modi di raccontare una notizia (stavolta parla la Croce Rossa)

41
51

CROCE ROSSA

Qualche giorno fa ho pubblicato qui su BUTAC una notizia:

Croce rossa respinge italiano affamato: “non hai certificato da profugo”

Nella mia analisi dei fatti vi spiegavo come diverse testate avessero trattato la storia, chi in maniera seria chi cavalcando la xenofobia. Nel frattempo Neil Perri aveva cercato di contattare la Croce Rossa per avere maggiori dettagli sui fatti. I tre modi in cui era stata trattata la storia diventano per magia quattro.

Vi riporto integralmente la mail che abbiamo ricevuto:

Buonasera.

Si tratta di una vicenda di un paio di anni fa che ora questo sito ha ripreso come fosse successa in questi giorni.
La cosa ebbe una certa risonanza perchè fu pubblicato un articolo sull’edizione locale del Gazzettino, in cui la giornalista, svolta una sommaria inchiesta presso il Comune ma senza cercare un confronto con Croce Rossa, prese per buone tutte le affermazioni di questa persona. Ci furono nei giorni seguenti alcuni chiarimenti con articoli successivi, ma come si sa, le correzioni non hanno la stessa risonanza della notizia originaria. Inoltre la notizia fu ripresa con notevoli distorsioni da alcune testate nazionali che parlarono di pasto caldo rifiutato perchè l’interessato non era un profugo. Preliminarmente c’è da dire che il Comitato di Belluno non distribuisce nè ha mai distribuito pasti, ma generi alimentari e di conforto e quando è possibile anche abiti usati. In sostanza è vero che la persona fu invitata a rivolgersi ai servizi sociali del Comune per ottenere una attestazione di “stato di necessita” o come la vogliamo chiamare, ma è la stessa procedura adottata per chiunque, Italiano o Straniero. Le volontarie in quell’occasione applicarono le disposizioni emanate dai vertici del Comitato in carica che, vista la scarsità di risorse e comunque per un ordine di giustizia, imponevano di accertare lo stato di necessità prima di erogare gli aiuti.
Il nuovo consiglio direttivo del Comitato di Belluno eletto nell’aprile del 2016, ha deciso di correggere il tiro e di consentire comunque la consegna di un pacco di viveri di “emergenza” a chiunque si presenti per la prima volta, e, quando giustificato, anche la seconda volta, ancorchè privo di documentazione, evitando così il rischio di lasciare qualcuno senza risorse. Posso anche dire che sono stati fatti interventi “urgenti” consegnando pacchi viveri a persone segnalate da fonti affidabili, in giorni non previsti per il servizio di assistenza e prescindendo da qualsiasi documentazione.
Per ciò che riguarda la discriminazione Italiano/straniero dico solo che Croce Rossa Italiana  impronta tutte le sue attività ai 7 Principi che costituiscono la “legge fondamentale” del Movimento Internazionale di Croce Rossa fra i quali ricordo Umanità, Imparzialità, Indipendenza. Dunque noi non guardiamo al colore della pelle, alla religione professata, alla fede politica o alla cittadinanza/residenza di chi ci chiede aiuto, né ascoltiamo le pressioni o sollecitazioni di questo o quel gruppo di potere o di opinione, poiché il nostro unico obiettivo è di alleviare le sofferenze, di qualsiasi natura e di chiunque ne venga colpito. Per noi è tanto importante, che non abbiamo mai fatto una statistica sulla ripartizione degli aiuti erogati in base alla provenienza, o altri criteri simili, delle persone beneficiarie.
A disposizione per ulteriori chiarimenti, cordialmente saluto.
IL PRESIDENTE
FABIO ZAMPIERI

Croce Rossa Italiana

Comitato di Belluno
Ringrazio Fabio Zampieri per la disponibilità, non ritengo sia necessario aggiungere altro alle sue parole e a quanto avevamo già scritto a suo tempo. L’idea che ci siano testate che riesumano notizie vecchie di due anni per continuare a soffiare sulla fiamma della xenofobia mi deprime molto, ma ormai a certi squallidi soggetti ci siamo abituati.
Su Youtube abbiamo preso l’abitudine di leggere un commento che abbiamo ricevuto sotto ai nostri video, oggi qui vorrei postarvi un botta e risposta avvenuto proprio nelle ultime ore; Signor Carunchio citano anche te pur non essendo un follower abituale di BUTAC su Youtube.

A 87 COGLI**** PIACCIONO LE FAKE NEWS DELLA BOLDRINI !!!
ettorre ett Ogni tanto sarebbe bello se, oltre a urlare, portaste delle fonti riguardo le vostre affermazioni. Così ci facciamo tutti un’idea più chiara sulle fake news e sui coglioni a cui piacciono.
Se è per quello su FB abbiamo 110mila follower caro Ettore, lo sai vero che ci fai solo figuracce a postare così ? Un abbraccio perché chi è messo come te ha solo bisogno di tanto affetto!
se sono tutti come signor carunchio che te lo succhia da sotto la scrivania te li puoi tenere mikey. E vedi di smetterla di mangiare bomboloni alla crema che già sei un ciccione ribbutante
vai su google e cerca “LAURA BOLDRINI FA I SCUCCHIOTTI A MICHELANGELO COLTELLI”. Poi chiudi le persiane e vai giù di pippe
ah su youtube fai il democratico e su butac chiami i tuoi amici a riempire di maleparole chi ti contesta ? quando non insulti tu in prima persona. E ORA VORRESTI LEVARE L’ISOLAMENTO A TOTO’ RIINA ??? Sei proprio una merda ! come lo erano i tuoi avi prima di te. Altrimenti non si spiegano le bombe contro tuo nonno. NON TROVI ???
maicolengel at butac punto it
Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!

Articolo precedenteLe bufale, Benito e i Fatti dal Web
Articolo successivoSe ti depili col rasoio i peli crescono più duri?
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.